L’affresco della Casa del Bracciale d’Oro in mostra a Boscoreale

La grande pittura parietale con scene di giardino sarà eccezionalmente presentata a Boscoreale nel corso delle aperture serali in programma ad agosto e settembre al costo di 2 euro

BOSCOREALE. È uno degli affreschi più famosi della città distrutta dal Vesuvio, tanto da essere diventato, nel tempo, la più classica icona di giardino pompeiano: la grande parete affrescata con scene di giardino proveniente dalla Casa del Bracciale d’Oro di Pompei sarà eccezionalmente presentata a Boscoreale nel corso delle aperture serali in programma tutti i venerdì di agosto e i venerdì e i sabato di settembre al costo di 2 euro (leggi l’articolo qui). La bellissima pittura parietale è rientrata lo scorso 14 agosto dal Grand Palais di Parigi, dove è stata esposta dal 15 marzo al 24 luglio in una mostra dal titolo “Jardins” assieme a  opere di Fragonard, Monet, Cézanne, Klimt, Picasso e Matisse.

L’affresco, che decorava la zona centrale della parete a sinistra dell’ingresso può annoverarsi tra le più accurate rappresentazioni di giardino di III stile, risalente al secondo venticinquennio del I secolo d.C. La cura dei dettagli con la quale è raffigurato il lussureggiante giardino fiorito, genera un effetto realistico che permette di riconoscere diverse specie di piante dell’epoca: l’oleandro, il viburno, il vilucchione, la palma, la rosa, l’edera variegata, oltre alle varie tipologie di uccelli, volteggianti o posati sui rami degli alberi, come  il colombo, il colombaccio, la gazza ladra, il passero e la rondine. La decorazione, rinvenuta negli anni ’70 in frammenti, è stata ricomposta grazie ad un complesso intervento di restauro.

Le passeggiate notturne nei siti vesuviani saranno fruibili fino al 30 settembre 2017, dalle 20,30 alle 23,00 anche presso la Villa di Poppea a Oplontis e agli Scavi di Pompei in due diversi itinerari: l’uno con partenza da Porta Marina con proiezioni multimediali lungo il percorso fino al quartiere dei Teatri; l’altro da  piazza Anfiteatro con visita alle mostre “Pompei e i greci”, “Pompei underground” sui Pink Floyd e all’esposizione degli affreschi di Moregine nella Palestra Grande.

Marco Pirollo

Marco Pirollo

Giornalista, nel 2010 fonda e tuttora dirige Made in Pompei, rivista di promozione territoriale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *