Il casatiello napoletano dolce, un simbolo della Pasqua campana

Mastro fornaio Carmelo Esposito: «Il casatiello è amato anche per la sua copertura molto accattivante, che piace ai grandi ma anche ai più piccoli, che si divertono a “pizzicare” i “diavolini”»

POMPEI. La Pasqua si avvicina e con l’avvicinarsi di questa festività si comincia a sentire di nuovo il profumo, nelle strade, del casatiello dolce: è uno dei simboli delle feste pasquali che davvero non può mancare sulle nostre tavole. In effetti è uno dei dolci più antichi della tradizione campana pasquale, ovviamente insieme all’altrettanto famosa pastiera.

Ne parliamo con mastro fornaio Carmelo Esposito di Pompei, che ci spiega qualche segreto: «La caratteristica del casatiello dolce (che va distinto da quello salato, altrettanto celebre e diffuso sempre a Pasqua) è di essere preparato con il lievito madre (il c.d. “criscito”) e con lo strutto: in questo modo viene realizzato un dolce molto alto e corposo, ma di una sofficità strabiliante. Il segreto di un ottimo casatiello, infatti, sta proprio nella lievitazione».

E non è tutto, perché il casatiello è amato anche per la sua copertura molto accattivante, che piace ai grandi ma anche ai più piccoli, che si divertono a “pizzicare” i “diavolini” dalla superficie del dolce. «Il casatiello – aggiunge Carmelo Esposito – viene ricoperto di una gustosa glassa, su cui vengono distribuiti dei piccolissimi confetti di zucchero, che dalle nostre parti sono conosciuti come “diavolini” e rendono questo dolce lievitato ancora più stuzzicante da mangiare. Aggiungendo sulla sommità anche la frutta candita il casatiello diventa anche coloratissimo e si arricchisce anche di un delicato sapore fruttato».

Il casatiello è un dolce anche molto profumato, che con i suoi aromi di limone e fiori d’arancio, o di farina impastata con uova e zucchero, è capace di riportare tutti indietro nel tempo e far tornare la memoria alle feste pasquali trascorse da bambini. «Forse – conclude mastro fornaio Esposito – è un dolce molto amato proprio per la sua semplicità, in cui gli ingredienti base della nostra alimentazione si fondono per dare vita ad un dolce saporito e genuino, senza fronzoli e con tanto gusto». Ecco in questo video alcune fasi della preparazione dei casatielli.

Preparazione casatiello dolce una primizia sulla tua tavola.#MastroFornaioEspositoPompei

Pubblicato da Mastro Fornaio Esposito Pompei su giovedì 22 dicembre 2016

mm

Redazione

Made in Pompei è una rivista di promozione territoriale e informazione culturale, turistica, enogastronomica, scientifica ed economica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*