Arriva il Cuma Express: adesso visitare la Terra del Mito sarà molto più semplice

Trovato l’accordo tra Eav e Parco Archeologico dei Campi Flegrei: biglietto unico e collegamenti più rapidi  

CAMPI FLEGREI. Grazie ad un accordo tra EAV e Parco Archeologico dei Campi Flegrei adesso visitare la Terra del Mito sarà molto più semplice. Con un biglietto unico e a collegamenti rapidi, il Cuma Express garantirà una connessione veloce dalla storica stazione di Montesanto fino all’Area Flegrea. I biglietti avranno un costo massimo di 10 euro e saranno acquistabili online comprensivi dell’ingresso ai monumenti (Anfiteatro Flavio, Terme di Baia, Castello-Museo archeologico e Scavi di Cuma).

Il treno, dotato di area condizionata avrà capacita di 68 posti a sedere numerati e 2 posti disabili. Il servizio prevede 4 corse, andata e ritorno, nelle domeniche e nei festivi, dal 1° luglio al 30 settembre con quattro fermate intermedie: Mostra, Pozzuoli, Fusaro e Torregaveta. Il viaggiatore, tra l’altro, munito dello stesso biglietto, durante il corso della giornata potrà salire e scendere dal treno e visitare i maggiori siti del Parco Archeologico dei Campi Flegrei.

«L’idea del Cuma Express parte sulla base del modello del Campania Express, in via sperimentale soltanto la domenica – commenta il presidente EAV, Umberto De Gregorio – ma nel prossimo anno vorrebbe diventare un progetto definitivo da estendere anche ai giorni feriali». «È il primo step per un nuovo sistema dei trasporti a supporto della rete monumentale e territoriale dalla forte vocazione turistica – dichiara Paolo Giulierini, direttore del Parco archeologico dei Campi Flegrei – Lo considero un buon primo passo. Sono certo che questo treno dedicato darà buoni risultati durante la sperimentazione, consentendo a chi sceglie Napoli, le isole o la costiera, di potersi muovere più agevolmente anche verso i Campi Flegrei, esplorando la Campania».


mm

Alessandra Randazzo

Studia Lettere Classiche presso il DICAM dell'Università di Messina. È anche redattrice e social media manager per la rivista di archeologia Mediterraneoantico.it e collaboratrice per la testata giornalistica Tempi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*