Il Trofeo Caputo 2019 incorona Ciro Magnetti Campione del Mondo e vola a New York

La categoria Pizza Contemporanea, vera novità di questa edizione del Premio, ha visto trionfare Giuseppe Cutraro





NAPOLI. Il titolo di Campione del Mondo dei Pizzaiuoli – XVIII Trofeo Caputo, se l’è aggiudicato Ciro Magnetti di Melito di Napoli (nella foto di copertina, ph: Renna De Maddi). Il titolo l’ha inseguito con ostinazione, partecipando alle diverse edizioni e concorrendo, nel corso degli anni, in differenti categorie. Il Campionato del Mondo dei Pizzaiuoli lo ha già visto trionfare, infatti, in altre specialità: nel 2018  ha conquistato il primo posto nella categoria Pizza di Stagione, nel 2016 è salito sul secondo gradino del podio nella categoria Pizza senza Glutine e nel 2015 è arrivato primo in quella dedicata alla Pizza a Metro.

Al secondo posto si è classificato Ferdinando Percoco, in forza presso Rosso Pomodoro. Anche lui è già salito sul podio nel corso di altre competizioni del Campionato Mondiale dei Pizzaiuoli. La medaglia di bronzo, nella categoria S.T.G. (quella che incorona il Campione del Mondo), è andata a una donna, la giapponese Akiyo Okabayashi. Una vittoria, la sua, emblematica della crescente e qualificata presenza femminile nelle competizioni internazionali e nella professione tout court.

Cutraro e Capuano, ph: Renna De Maddi

A testimonianza della sempre maggiore importanza  delle donne nel mondo della pizza, è stata costituita a Napoli, per iniziativa dell’ad di Mulino Caputo, Antimo Caputo, un’associazione che le rappresenta e che permetterà a tutte loro, dall’America all’Oriente, di competere e confrontarsi in diverse capitali del mondo.

La vera novità di quest’anno è rappresentata dallo stile proposto dai giovani pizzaioli, che mette in primo piano la lavorazione della pizza chiamata “Contemporanea”. Essa consiste nell’approccio alla realizzazione di un nuovo impasto, grazie all’utilizzo della farina Nuvola, che consente di realizzare una pizza che ha come caratteristica principale la scioglievolezza, cioè morbidezza, sofficità, elasticità, a vantaggio del gusto e della digeribilità.

Antimo Caputo ne è orgoglioso: «Stiamo assistendo a un passaggio importante nell’evoluzione degli impasti, che porta a una pizza dal cornicione svuotato, con una grande alveolatura, e una giusta croccantezza». Dunque si può dire che a Napoli, e non poteva essere altrimenti, è nato un nuovo modo di realizzare la pizza: la Pizza Contemporanea. La categoria della Pizza Contemporanea ha visto trionfare Giuseppe Cutraro che, dopo 12 anni in giro per il mondo, è approdato a Parigi dove coordina il lavoro di 80 pizzaioli, impegnati nelle pizzerie targate Big Mamma; seguito da Vincenzo Capuano, delle omonime pizzerie napoletane e dal giapponese Takumi Nakamura.

Laura Meyer sul podio, ph: Renna De Maddi

La giovane Laura Meyer, italoamericana arrivata direttamente da San Francisco, ha gareggiato con una grandissima grinta ed è riuscita imporre il suo stile in un’altra delle categorie più innovative e interessanti della competizione, quella della Pizza Americana.

Molto soddisfatto Antimo Caputo, a conclusione della manifestazione, suggellata dal taglio della torta preparata ad hoc dal maestro pasticcere Sabatino Sirica: «Questa edizione è stata davvero eccezionale. Le due nuove categorie di gara, Pizza Contemporanea e Pizza Americana, hanno fatto arrivare a Napoli tantissimi pizzaioli da oltre 50 Paesi del mondo, assieme a importanti rappresentati del food di Oltreoceano».

«Con l’organizzazione del Trofeo e del Napoli Pizza Village – aggiunge Caputo – è stata consacrata la mission di questo evento che è anche promotore del territorio e volano per l’export internazionale.  Sulla scorta di questo grande successo, ai primi di ottobre a New York accenderemo ben 30 forni durante le celebrazioni del Columbus Day. Il gemellaggio è stato consacrato dal Console americano a Napoli, Karen Schinnerer». Già dalla prossima settimana si riparte, da Atlantic City, con la “Caputo Cup”, organizzata, come il Campionato del Mondo, dall’Associazione Pizzaioli Napoletani (Apn), coordinata da Sergio Miccù.



mm

Redazione

Made in Pompei è una rivista di promozione territoriale e informazione culturale, turistica, enogastronomica, scientifica ed economica.

Lascia un commento