Explosion Studio: nell’Anfiteatro di Pompei la performance unica dell’artista Cai Guo-Qiang

Fuochi d’artificio colorati per raccontare la tragedia della distruzione ad opera del Vesuvio vissuta dalla città antica

POMPEI. Teatralità pirotecnica “made in China” anche se nel contemporaneo l’arte ha un valore universale, se è vero che Pompei “è un luogo del contemporaneo” come ha dichiarato, nella presentazione, la direttrice ad interim del parco Archeologico di Pompei, Alfonsina Russo, richiamando il pensiero del suo predecessore massimo Osanna nell’Anfiteatro dell’antica Pompei, dove ha avuto luogo la spettacolare performance d’arte contemporanea “Explosion studio”.

Il suggestivo spettacolo pirotecnico firmato dall’artista Cai Guo-Qiang fornisce un codice di lettura di Pompei tra tragedia e miracolo culturale, grazie ad un sapiente “gioco esplosivo” di polvere da sparo colorata seguito da sagome di vita comune e culturale di Pompei, che allusivamente emergono dalle fiamme. In sintesi Explosion Studio si è sviluppato in tre momenti.

Il primo ha prodotto l’esibizione della tela della civiltà; il secondo la fase del “Sospiro” nella sua ascesa e caduta; la terza fase riguarda la scoperta delle rovine archeologiche di Pompei, segni di una memoria di straordinaria importanza. La stessa polvere servirà nella creazione di parte delle opere che saranno in dialogo con le collezioni permanenti del Museo Archeologico Nazionale di Napoli (Mann) e che saranno inaugurate domani (venerdì 22 febbraio 2019, alle ore 16,30) nel corso della mostra “Nel vulcano, Cai Guo-Qiang a Pompei”.

Sarà così allacciato uno spettacolare trait-d’union fra la performance pompeiana ed il percorso creativo costruito all’Archeologico, insieme a quello secolare tra il popolo napoletano e quello cinese, perché entrambi condividono la spettacolarità dei fuochi d’artificio. Tant’è vero che le ditte che hanno montato l’installazione pirotecnica di oggi (21 febbraio) nell’Anfiteatro di Pompei erano locali. L’invenzione della polvere da sparo a base di carbone di legna, nitrato di potassio e zolfo, è merito antico dei Cinesi, che la utilizzarono in primis per allietare le feste e i riti religiosi. Tradizione che è entrata ben presto nel cuore dei partenopei, senza contare la forte attrazione della cultura orientale per i napoletani.

mm

Mario Cardone

Giornalista, economista ed ex bancario, ha una moglie, una figlia e quattro gatti; ex socialista ex sindacalista Cgil

Lascia un commento