L’arte che cura: il progetto del reparto di Ematologia dell’ospedale di Pagani

PAGANI. L’arte provoca diversi effetti: attiva i nostri sensi, stimola l’immaginazione, espande la mente e libera le emozioni. In generale, godersi le opere artistiche gradevoli e belle con contenuto estetico positivo, ci riempie a livello sensoriale e intellettuale e favorisce uno stato emotivo positivo.

Aumenta la capacità di comunicazione, riduce ansia e stress. Favorisce l’autoconsapevolezza e l’autoriflessione. Migliora le abilità cognitive, quali ad esempio concentrazione, attenzione e memoria. Insomma l’arte e il dipingere, ma anche solo respirare nuovi colori aiuterebbe a migliorare l’umore delle persone.

Questo è l’intento del progetto “L’Arte che cura” ideato dal reparto di Ematologia dell’ospedale “Andrea Tortora” di Pagani, diretto da Catello Califano e dalla coordinatrice Carmela Trezza, e che attraversa i 5 sensi.

La vista è curata dall’associazione Nasi Rossi Clown Therapy di Scafati, presieduta da Francesca Colombo e coordinata dalla vicepresidente Giusy Manzo e dal Maestro Lorenzo Basile, con il supporto del Maestro Giovanni Boccia e la collaborazione dell’associazione Universarte dell’artista Antonella Botticelli.

Vicini alla bellezza e allo stupore, ma legati soprattutto dal profondo senso di altruismo, sono 67 artisti da nord a sud che hanno aderito al progetto. Tra loro, anche l’artista scafatese Orsola Supino, un “naso rosso” da ormai 6 anni.

Le opere donate, raccolte e accuratamente selezionate, saranno destinate all’ospedale – reparto Ematologia – e verranno esposte (entro il prossimo giugno) nelle stanze della degenza e nei corridoi, colorando il grigiore delle pareti esistenti e regalando agli occhi di chi guarda nuovi colori e nuove emozioni.  A conclusione del progetto sarà edito un catalogo con tutte le opere donate con la recensione della critica d’arte Antonella Nigro.

Redazione Made in Pompei

Redazione Made in Pompei

Made in Pompei è una rivista mensile di promozione territoriale e di informazione culturale fondata nel 2010.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *