Terzo titolo mondiale per Aniello Sabbatino, la stella pompeiana del canottaggio

POMPEI. Non c’è due senza tre. E così è stato anche per la stella pompeiana del canottaggio, Aniello Sabbatino (secondo da sinistra nella foto di copertina), che il 10 luglio 2021 ha portato a casa il terzo titolo mondiale Under23 nella specialità “quattro con”, nel corso dei Campionati Mondiali che si sono svolti a Racice (Repubblica Ceca).

Il titolo iridato è arrivato per l’Italremo dal “quattro con” maschile, composto oltre che da Sabbatino (RYCC Savoia), da Andrea Carando (RCC Cerea), Davide Verità (Marina Militare/AC Monate), Nunzio Di Colandrea (Marina Militare/RYCC Savoia) e Filippo Wiesenfeld (CC Saturnia) al timone.

La vittoria finale è arrivata al termine di un gara perfetta, che ha permesso al team di giovani rematori azzurri di far sventolare i colori italiani davanti con 6.44 di vantaggio sull’Irlanda, seconda, e 8.29 sugli Stati Uniti, terzi.

Ma, al di là del successo dell’atleta pompeiano e dei suoi compagni di squadra, il Campionato del Mondo Under23, svoltosi sulle acque della Labe Arena di Racice (Repubblica Ceca), si è rivelato un vero trionfo per l’Italia del canottaggio.

Gli Azzurri hanno infatti collezionato 11 medaglie finali (4 ori, 4 argenti e 3 bronzi), che sono valse il primo posto nel medagliere per nazione. Dietro l’Italia, la Germania con 12 medaglie (3-6-3) e la Gran Bretagna con 4 (3-0-1).

L’affermazione di Sabbatino, la terza in una rassegna iridata, è stato dunque motivo di soddisfazione per i suoi concittadini pompeiani. Il giovane rematore, nato nel marzo 2000 e attualmente in forza al Reale Yacht Club Canottieri Savoia, vanta un ricco medagliere in cui spiccano appunto gli ori nei Campionati Mondiali “quattro con”, categoria Junior del 2017 e del 2018, a cui si è aggiunto quello del 2021.

Sabbatino, in una intervista a Made in Pompei di qualche tempo fa, ha raccontato come la sua passione sia nata grazie alla nonna, originaria del quartiere pompeiano di Messigno, lo stesso che ha dato i natali anche ai fratelli Abagnale, grandi protagonisti del canottaggio italiano tra gli anni ’80 e ’90. Fonte foto: Canottaggio.org.

Marco Pirollo

Marco Pirollo

Giornalista, nel 2010 fonda e tuttora dirige Made in Pompei, rivista di promozione territoriale.

Un pensiero riguardo “Terzo titolo mondiale per Aniello Sabbatino, la stella pompeiana del canottaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *