Terzo titolo mondiale per Aniello Sabbatino, la stella pompeiana del canottaggio

POMPEI. Non c’è due senza tre. E così è stato anche per la stella pompeiana del canottaggio, Aniello Sabbatino (secondo da sinistra nella foto di copertina), che il 10 luglio 2021 ha portato a casa il terzo titolo mondiale Under23 nella specialità “quattro con”, nel corso dei Campionati Mondiali che si sono svolti a Racice (Repubblica Ceca).

Il titolo iridato è arrivato per l’Italremo dal “quattro con” maschile, composto oltre che da Sabbatino (RYCC Savoia), da Andrea Carando (RCC Cerea), Davide Verità (Marina Militare/AC Monate), Nunzio Di Colandrea (Marina Militare/RYCC Savoia) e Filippo Wiesenfeld (CC Saturnia) al timone.

La vittoria finale è arrivata al termine di un gara perfetta, che ha permesso al team di giovani rematori azzurri di far sventolare i colori italiani davanti con 6.44 di vantaggio sull’Irlanda, seconda, e 8.29 sugli Stati Uniti, terzi.

Ma, al di là del successo dell’atleta pompeiano e dei suoi compagni di squadra, il Campionato del Mondo Under23, svoltosi sulle acque della Labe Arena di Racice (Repubblica Ceca), si è rivelato un vero trionfo per l’Italia del canottaggio.

Gli Azzurri hanno infatti collezionato 11 medaglie finali (4 ori, 4 argenti e 3 bronzi), che sono valse il primo posto nel medagliere per nazione. Dietro l’Italia, la Germania con 12 medaglie (3-6-3) e la Gran Bretagna con 4 (3-0-1).

L’affermazione di Sabbatino, la terza in una rassegna iridata, è stato dunque motivo di soddisfazione per i suoi concittadini pompeiani. Il giovane rematore, nato nel marzo 2000 e attualmente in forza al Reale Yacht Club Canottieri Savoia, vanta un ricco medagliere in cui spiccano appunto gli ori nei Campionati Mondiali “quattro con”, categoria Junior del 2017 e del 2018, a cui si è aggiunto quello del 2021.

Sabbatino, in una intervista a Made in Pompei di qualche tempo fa, ha raccontato come la sua passione sia nata grazie alla nonna, originaria del quartiere pompeiano di Messigno, lo stesso che ha dato i natali anche ai fratelli Abagnale, grandi protagonisti del canottaggio italiano tra gli anni ’80 e ’90. Fonte foto: Canottaggio.org.

Marco Pirollo

Marco Pirollo

Giornalista, nel 2010 fonda e tuttora dirige Made in Pompei, rivista di promozione territoriale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *