Napoli-Spal 3-1: per gli azzurri quinta vittoria consecutiva in campionato

NAPOLI. Gli azzurri battono la Spal per 3-1 nello scenario del San Paolo vuoto e conquistano la quinta vittoria consecutiva in Serie A. Primo tempo scoppiettante con il Napoli avanti di misura: 2-1, gol di Mertens e Callejon, di Petagna il momentaneo pareggio ospite. Gli uomini di Gattuso non rischiano molto e nella ripresa chiudono i conti con Younes, subentrato un minuto prima a Callejon.

Spazio a un turnover moderato per Ringhio, che in vista della trasferta di Bergamo contro l’Atalanta fa riposare Di Lorenzo, Demme e Zielinski: Hysaj torna a destra, a centrocampo ci sono Lobotka ed Elmas.

Il Napoli trova il vantaggio praticamente subito. Fabian Ruiz suggerisce per Mertens, il belga raccoglie l’invito, scatta verso la porta e con un tocco sotto supera Letica. Il check del Var conferma la posizione regolare dell’attaccante: si riparte dal 123esimo gol di Mertens in maglia azzurra e dall’1-0 per il Napoli.

Azzurri che si rivedono in attacco dopo circa 10 minuti, ancora Mertens protagonista: ma stavolta il suo tiro viene smorzato da un difensore e il portiere spallino blocca senza difficoltà.

Poco dopo (16’) ci prova Callejon sugli sviluppi di un corner, ma schiaccia troppo il pallone a terra e sul rimbalzo Letica agguanta la sfera.

Al 21’ e al 24’ ci prova Fabian Ruiz, ma nel primo caso mira troppo altro, poco dopo invece Letica para senza problemi. Break della Spal al 24’: percussione offensiva di Cionek, ma la conclusione è da dimenticare.

Cinque minuti più tardi c’è una ghiotta occasione per gli azzurri, confezionata dal tandem Elmas-Insigne: la grande giocata del capitano azzurro però si stampa sul palo alla sinistra del portiere.

Sul capovolgimento di fronte (30’) arriva la beffa per il Napoli: Reca si invola sulla fascia, il cross basso verso l’area trova pronto Petagna che batte Meret e ristabilisce la parità nel punteggio.

Dopo un tiro potente dalla distanza di Fares che Meret neutralizza in due tempi (32’), il Napoli poco dopo ristabilisce le distanze con Callejon. Cross al bacio di Elmas che serve lo spagnolo, il numero 7 aggancia, si aggiusta il pallone e di destro batte per la seconda volta Letica (2-1).

Al 39’ ancora Napoli: il sinistro di Mario Rui dalla distanza è potente, ma viene deviato e finisce di poco fuori. La Spal si rivede al 40’:  Cerri aggancia un buon cross in area ma il suo tiro al volo di destro finisce abbondantemente oltre la traversa.

Nel finale di primo tempo il Napoli segna ancora con Insigne, ma l’azione viene passata al vaglio del Var, che questa volta dà esito negativo per un precedente off-side di Mertens. Finiscono così i primi 45 minuti di gioco.

Nell’intervallo non ci sono cambi nel Napoli, mentre la Spal inserisce Valoti per Reca. I partenopei si rendono pericolosi già al 50’ con Insigne, che però viene pescato ancora in fuorigioco. Il Napoli conferma l’intensità della prima frazione di gara, i biancazzurri attendono nella propria metà campo.

Al 54’ rischiano invece gli azzurri: Callejon sbaglia un passaggio, ne approfitta Valoti che prova a tirare dalla distanza, ma Meret è attento e neutralizza la minaccia. Poco dopo risponde il Napoli con un tiro di Callejon che insidia la porta biancoblu, ma la mira non è precisa.

Dal 64’ i primi cambi di Gattuso: dentro Milik e Lozano per Mertens e Insigne. Il messicano si fa subito vedere con un’azione personale, ma non riesce a superare il portiere, che para la sua conclusione di destro.

Seguono i cambi anche per Di Biagio, che inserisce forze fresche, Gattuso getta nella mischia anche Younes per Callejon. E dopo pochi secondi dall’ingresso in campo il tedesco sigla la terza rete per il Napoli (78’) e dà più tranquillità ai suoi: Fabian Ruiz crossa dalla destra e Younes è pronto a impattare di testa e a battere Letica per il 3-1.

All’84’ anche Ghoulam cerca gloria in attacco: si incarica di battere un calcio di punizione dal limite e il suo tiro molto forte impegna severamente il portiere della Spal, che respinge.

In pieno recupero c’è da segnalare un’azione personale di Lozano, che accelera, supera qualche avversario e arriva al tiro, ma Felipe intercetta il pallone e devia in angolo. L’ultimo evento da annotare è il triplice fischio di Luca Pairetto che manda tutti negli spogliatoi: Napoli-Spal finisce dunque sul punteggio di 3-1.

NAPOLI-SPAL 3-1 (2-1)

NAPOLI (4-3-3): Meret – Hysaj, Maksimovic, Koulibaly (80’ Manolas), Mario Rui (80’ Ghoulam) – Fabian Ruiz, Lobotka, Elmas – Callejon (75’ Younes), Mertens (64’ Milik), Insigne (65’ Lozano).
A disposizione: Ospina, Karnezis, Di Lorenzo, Luperto, Demme, Zielinski, Politano. Allenatore: Gattuso.
SPAL (4-4-2): Letica – Cionek, Vicari, Felipe, Reca – Strefezza (74’ D’Alessandro), Murgia (74’ Dabo), Missiroli, Fares – Petagna (80’ Floccari), Cerri.
A disposizione: Thiam, Meneghetti, Bonifazi, Tomovic, Valdifiori, Sala, Tunjov, Valoti, Castro. Allenatore: Di Biagio.
RETI: 3’ Mertens (N), 30’ Petagna (S), 36’ Callejon, (N), 78’ Younes (N),
CALCI D’ANGOLO: 4-1
POSSESSO PALLA: 60%-40%
AMMONITI: Valoti (S), Fares (S), Felipe (S).
ARBITRO: Pairetto L.
STADIO: San Paolo – Napoli

Redazione Made in Pompei

Redazione Made in Pompei

Made in Pompei è una rivista mensile di promozione territoriale e di informazione culturale fondata nel 2010.

Rispondi