Coppa Italia, Insigne spalanca al Napoli le porte della semifinale: Lazio battuta (1-0)

La rete decisiva è stata realizzata dal capitano azzurro dopo soli due minuti con una straordinaria azione personale





NAPOLI. Una magia di Insigne dopo soli due minuti di gioco regala al Napoli sorriso, vittoria e passaggio del turno in Coppa Italia. Gli azzurri battono la Lazio 1-0 in una gara vibrante e ricca di emozioni, sempre aperta, dall’inizio alla fine, in cui espulsioni, rigori sbagliati, pali, traverse, gol annullati, hanno tenuto i tifosi di entrambe le squadre al massimo della tensione. La difesa azzurra tiene per 90’ e si difende con ordine dagli assalti biancocelesti e la squadra partenopea non rinuncia a impensierire gli ospiti quando può.

Per il Napoli è una vittoria che fa bene soprattutto al morale, ma consegna agli uomini di Gattuso anche una semifinale di Coppa Italia tutta da giocare. Il tecnico azzurro inserisce in campo Demme e Lobotka dal primo minuto, per dare ordine alla manovra e punti di riferimento alla difesa. Rientra Mario Rui a sinistra, confermato Ospina tra i pali. In avanti c’è Callejon sulla destra a sostenere Milik e Insiegne in attacco.

Come anticipato il Napoli stavolta la sblocca subito, con una formidabile azione personale di Insigne: il capitano firma uno slalom al limite dell’area, salta Luis Felipe e poi supera Strakosha con un delizioso tocco rasoterra ad incrociare. È subito 1-0 per gli azzurri. La Lazio ha però subito l’occasione per pareggiare. Al 7’ Milinkovic-Savic impegna dalla distanza Ospina, che respinge con i pugni.

Sul prosieguo dell’azione il direttore di gara giudica falloso un contatto Hysaj-Caicedo e concede la massima punizione per i biancocelesti (e scatta anche il primo giallo per il difensore albanese). Dal dischetto va Immobile che però scivola al momento di calciare e spedisce il pallone alle stelle. Al 12’ Immobile arriva su un cross di Lazzari proveniente dalla destra, ma l’attaccante laziale strozza troppo il pallone che si perde sul fondo alla sinistra di Ospina.

Tre minuti ospiti ancora pericolosa con Caicedo, che arriva al tiro a pochi passi da Ospina, ma Hysaj fa buona guarda e il portiere azzurro blocca a terra senza problemi. Al minuto 19 però il Napoli resta in dieci uomini per l’espulsione di Hysaj: il difensore rimedia il secondo giallo per un fallo tattico su Immobile che stava scattando sulla fascia sinistra. Per lui è inevitabile il rosso. Gattuso inserisce Luperto per Lobotka, azzurri con il 4-4-1, Callejon e Insigne bassi sulla mediana, il solo Milik in avanti.

Al 21’ tira Parolo dalla lunetta, ma il rasoterra si spegne sul fondo. Passano solo sei minuti e viene ristabilita la parità numerica in campo: Lucas Leiva, ammonito per un intervento su Zielinski, manda a quel paese il direttore di gara, che rivede la sua decisione ed estrae il cartellino rosso per proteste. Inzaghi non opta per sostituzioni. Al 35’ c’è uno scambio al limite dell’area tra Immobile e Milinkovic-Savic, il tiro di quest’ultimo è ribattuto dall’intervento di Manolas. È l’ultima emozione del primo tempo, che dopo 3’ di recupero, termina con il vantaggio azzurro.

La prima occasione della ripresa è per il Napoli, quando Milik prova a sfruttare senza successo una indecisione di Strakosha. La Lazio replica al 50’ con un diagonale di Immobile dal limite, che Ospina blocca alla sua destra senza affanni. Inzaghi inserisce Correa (54’) per dare più velocità al reparto offensivo. Poco dopo è Correa a tirare debolmente verso la porta azzurra e a vanificare così un pallone recuperato a centrocampo da Immobile. Ancora Lazio al 61’: Immobile calcia sull’esterno della rete un pallone non facile da addomesticare proveniente da calcio d’angolo.

Gli azzurri faticano a uscire dalla propria metà campo ma si rivedono al 63’ con un’azione prolungata sulla trequarti biancoceleste, che Insigne conclude con un destro a giro che vola alto sulla porta difesa da Strakosha. Ospiti che rispondono un minuto dopo con Correa, che dal vertice sinistro dell’area di rigore scocca un destro che sorvola la traversa. Gattuso inserisce Elmas per Callejon, con il compito di dare una mano in copertura.

Al 70’ azzurri vicinissimi al raddoppio: ottima azione lavorata di Elmas sulla destra che arretra verso Di Lorenzo. Il cross è perfetto per Milik che di testa impegna Strakosha: il portiere blocca in due tempi dopo che il pallone si è stampato sul palo. Poco dopo Fabian Ruiz rileva Insigne, Napoli con difesa a 5. All’83’ Immobile colpisce la traversa con un gran tiro al limite dell’area, ma due minuti dopo il Napoli pareggia anche il conto dei pali con Mario Rui, che dall’interno dell’area vede il suo destro a giro stamparsi all’incrocio dei pali alla sinistra di Strakosha.

Nel primo minuto di recupero Parolo devia verso la porta un cross proveniente dalla sinistra, ma la mira è sbagliata, Ospina guarda il pallone sfilare sul fondo. È l’ultimo brivido per i tifosi del Napoli, che possono festeggiare la vittoria degli azzurri e soprattutto il passaggio del turno in Coppa Italia: il Napoli in semifinale se la vedrà con la vincente di Inter-Fiorentina.

NAPOLI-LAZIO 1-0 (1-0)

NAPOLI (4-3-3): Ospina – Hysaj, Di Lorenzo, Manolas, Mario Rui – Demme, Lobotka (22’ Luperto), Zielinski – Callejon (64’ Elmas), Milik, Insigne (76’ Fabian Ruiz). A disposizione: Meret, Karnezis, Tonelli, Lozano, Leandrinho, Llorente. All. Gattuso.
LAZIO (3-5-2): Strakosha – Luiz Felipe, Acerbi, Radu (69’ Patric) – Lazzari, Parolo, Lucas Leiva, Milinkovic-Savic, Lulic (76’ Jony) – Caicedo (54’ Correa), Immobile. A disposizione: Proto, Guerrieri, Vavro, Bastos, Minala, Berisha, Anderson A., Anderson D., Adekanye. All. Inzaghi S.
RETI: 2’ Insigne (N).
ANGOLI: 2-2
AMMONITI: Hysaj (N), Acerbi (L), Lucas Leiva (L)
ESPULSI: Hysaj (N), Lucas Leiva (L)
ARBITRO: Massa



mm

Redazione

Made in Pompei è una rivista di promozione territoriale e informazione culturale, turistica, enogastronomica, scientifica ed economica.

Lascia un commento