Giro d’Italia a piedi: l’impresa di Elio Brusamento fa tappa anche a Pompei

Nella città mariana è stato accolto dai volontari della Croce Rossa che lo hanno affiancato durante la sua permanenza





POMPEI. Partito da Trieste, il 25 aprile scorso, con l’intento di percorrere l’Italia a piedi, il 67enne originario di Padova, Elio Brusamento, ha incluso tra le tappe prescelte per il suo viaggio la città di Pompei. Qui è stato accolto calorosamente dai volontari della Croce Rossa che lo hanno ospitato ed affiancato durante tutta la sua permanenza in città, mostrandogli le meraviglie del territorio pompeiano.

La salita al Campanile, il giro turistico della città, la visita agli Scavi archeologici, il fascino del Santuario e l’incontro con il vicario generale don Giuseppe Adamo, sono solo alcuni dei momenti che hanno caratterizzato l’accoglienza offerta al solitario viaggiatore da Antonio Alfano, Ciro Fusco, Rita Vangone, Daniele e Marina Eliano, Giancarlo Rispoli, per citarne alcuni. Non solo un tour della città ma anche un itinerario nel gusto e nelle tradizioni culinarie campane, grazie all’ospitalità offerta dal ristorante Todisco, seguito, infine, dalla sosta all’hotel Pompei Resort per il pernottamento.

Brusamento ha incantato i suoi accompagnatori con il racconto delle bellezze ammirate finora nel corso del suo viaggio: luoghi imperdibili che lo hanno profondamente segnato e a cui ha deciso di dedicare le pagine di un libro che sta scrivendo personalmente, tra una tappa e l’altra. Ciò che contraddistingue il suo itinerario, oltre alla volontà di non servirsi di mezzi di trasporto, è la scelta di muoversi esclusivamente tra piccoli paesi, borghi, periferie e zone di minor affluenza.

Elio, infatti, non raggiunge la capitale, né i grandi centri urbani italiani. Ciò in quanto il suo obiettivo è quello di documentare la storia e le caratteristiche di città che, al pari di quelle più note e popolate, contribuiscono a rendere il nostro Paese uno dei più belli del mondo. Tra queste Pompei, di cui porterà per sempre nel cuore la ricchezza culturale e archeologica, oltre alla generosità del popolo che lo ha accolto.



mm

Veronica Ronza

Studentessa di 23 anni, una laurea in comunicazione e una specializzazione in corso in Corporate communication. La sue più grandi passioni sono la lettura e la scrittura.

Lascia un commento