Maratona per la Pace 2019: vince Youssef Aich con i colori del team Mondragone in Corsa

Prima classificata in campo femminile è la veterana della Napoli-Pompei, Annamaria Vanacore della Atletica Scafati





POMPEI. La pioggia incessante non ferma la Corsa per la Pace Napoli-Pompei: anche se in versione “ridotta” (30 km in luogo dei classici 42,195 km della maratona, evitando dunque il circuito interno al capoluogo partenopeo) l’edizione numero 26 dell’ormai tradizionale appuntamento podistico annuale organizzato dal Movimento Sportivo “Bartolo Longo” di Pompei si è svolta regolarmente con l’entusiastica partecipazione di atleti e squadre.

Vincitore assoluto della Corsa della Pace è stato Youssef Aich del team Mondragone in Corsa, che ha coperto la distanza in 1h48’48”. Sul podio maschile sono poi saliti, rispettivamente in seconda e terza posizione, Gianluca Piermatteo (Lions Club Ufita) che ha corso in 1h53’51” e Giuseppe Gentile (team Tornado) che ha fatto registrare il tempo di 1h57’10”. In campo femminile, invece, la prima classificata è la veterana della Napoli-Pompei, vale a dire Annamaria Vanacore che per i colori della Atletica Scafati ha corso in 2h13’32” (piazzandosi 17esima in classifica generale).

Sul podio femminile sono poi salite Anna Maria Caso della Positano Run, con il tempo di 2h19’42” (19esima in assoluto) e, infine, Teresa Catalano, anche lei militante nell’Atletica Scafati, che ha corso in 02h24’40” (21esima in classifica generale). La Corsa per la Pace Napoli-Pompei segue un percorso del tutto simile a quello che compì il Sacro Quadro della Vergine di Pompei, il 13 novembre 1875, quando arrivò da Napoli nell’allora Valle di Pompei, trasportato su un umile carretto agricolo, guidato dal carrettiere Angelo Tortora.



Un viaggio che, allora, rappresentò uno straordinario momento di fede e che viene commemorato attraverso un evento sportivo – la maratona, appunto, nella sua versione da 42,195 km o la corsa, di lunghezza ridotta – tra i più importanti dell’anno. «Grazie a tutti i partecipanti che hanno dato vita alla nostra XXVI Corsa per la Pace Napoli-Pompei» ha detto Giuseppe Acanfora, presidente del Movimento Sportivo “Bartolo Longo” di Pompei, che ha aggiunto: «Se è vero che siamo stato costretti per salvare la gara a tornare al vecchio percorso siamo ugualmente contenti che gli atleti abbiano esternato la propria soddisfazione per la gara di 30 km».

«Grazie sia a quelli che hanno partecipato per la Fede nella nostra Madonna sia a quelli che hanno fatto la gara per le bellezze che ci invidia tutto il mondo che a quelli che hanno corso per il premio» ha aggiunto Acanfora, che ha poi fatto seguire i ringraziamenti alle varie componenti, istituzionali e non, che hanno permesso lo svolgimento della XXVI edizione della Napoli-Pompei.

«Grazie ovviamente al nostro Vicario, al nostro Sindaco, all’assessore allo Sport, al presidente del consiglio comunale, al Comandante della Polizia Locale e a tutti i Vigili. Grazie alla Fidal e Gruppo Giudici. Un ringraziamento alla Regione Campania e al consigliere regionale Antonio Marciano, ai Comuni di Napoli e all’assessore Ciro Borriello e ai vigili urbani anche di Portici, Ercolano,Torre del Greco, al Sindaco di Torre Annunziata e ai vigili urbani».



mm

Redazione

Made in Pompei è una rivista di promozione territoriale e informazione culturale, turistica, enogastronomica, scientifica ed economica.

Lascia un commento