I fiori “made in Campania” conquistano l’Olanda

Continua il trend di crescita del Mercato dei Fiori: i primi 9 mesi del 2019 segnano +12% rispetto allo stesso periodo del 2018





NAPOLI. Sempre più apprezzati e richiesti sul mercato europeo, i fiori della Campania confermano il loro trend di crescita anche in occasione della Fiera Internazionale IFTF tenutasi a Vijfhuizen e del Trade Fair Aalsmeer 2019 in Olanda. Quelle tenutesi dal 6 all’8 novembre 2019 rappresentano due degli eventi fieristici più importanti del settore che, annualmente, richiama migliaia di espositori, grossisti e commercianti del settore florovivaistico. Cinque le realtà campane che hanno partecipato, in modo autonomo, alla fiera: la Cooperativa del Golfo, la Cooperativa Ortofloricola Sant’Antonio, la Nuova Floricoltura Meridionale, la Ercolano Flora e la Flor Trade.

«La fiera di quest’anno è stata un’eccellente vetrina per il florovivaismo della Campania. I nostri rappresentati hanno riscontrato un forte interesse e apprezzamento per le nostre produzioni florovivaistiche. Si è tracciata una strada da seguire per gli anni futuri, auspicando che anche le istituzioni regionali e le associazioni di categoria possano svolgere un ruolo sempre più centrale per sostenere la presenza dei nostri operatori in questi appuntamenti e si possa continuare a lavorare per la nascita di un distretto florovivaistico della Campania» dichiara il presidente del Consorzio Produttori Florovivaisti della Campania, Vincenzo Malafronte.

Il comparto campano, inoltre, è in gran spolvero. Continua, infatti, il trend di crescita del Mercato dei Fiori in Campania. I dati fatti registrare nei primi nove mesi del 2019 segnano un +12% rispetto allo stesso periodo del 2018. Come conferma lo stesso presidente del Consorzio Produttori Florovivaisti Campani, Vincenzo Malafronte: «I nostri associati e il comparto in generale ha riscontrato un sostanziale aumento del fatturato e della produzione, e i dati registrati sul mercato all’ingrosso nel periodo della commemorazione dei defunti e la festività di Ognissanti è in linea con il trend di crescita che ci sta accompagnando in tutto questo 2019».

Un aumento del fatturato che per Malafronte: «È frutto del duro lavoro portato avanti in questi anni nel nostro settore. Aumenta la produzione a fronte di un miglioramento della qualità dei nostri prodotti. I fiori “made in Campania” sono sempre di più apprezzati e riconosciuti sia sul mercato nazionale che internazionale. Segnali che fanno ben sperare per il futuro. Dobbiamo continuare su questa strada, con lo stesso impegno e dedizione che quotidianamente mettiamo nel nostro lavoro. In questo anno abbiamo avuto l’opportunità come Consorzio di misurarci con sfide importanti come le Universiadi di Napoli ed altre ci aspettano a stretto giro». Il florovivaismo campano è una realtà da primato: il 9% della superficie nazionale investita per la coltivazione di fiori e piante ornamentali si trova, infatti, in Campania, con evidenti ricadute positive anche in termini di occupazionali.



mm

Redazione

Made in Pompei è una rivista di promozione territoriale e informazione culturale, turistica, enogastronomica, scientifica ed economica.

Lascia un commento