Campi Flegrei, al via il Parco delle Idee: 80 proposte dal territorio per valorizzare il sito

In 136 tra guide turistiche, operatori museali, archeologi, artisti, professionisti, studenti e associazioni hanno risposto all’appello del PaFleg





BACOLI. Guide turistiche, operatori museali, archeologi, artisti, liberi professionisti, studenti e associazioni: hanno risposto in 136 all’appello lanciato al territorio dal direttore del Parco archeologico dei Campi Flegrei Fabio Pagano, a presentare suggerimenti e proposte per la valorizzazione dell’istituto che riunisce 25 diversi siti. Prende l’8 novembre 2019 al Castello di Baia il “Parco delle Idee”, la maratona di progettazione partecipata organizzata dal Parco archeologico dei Campi Flegrei con Stefano Consiglio del Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università Federico II di Napoli e il supporto di Bam! Strategie culturali.

Per tre giorni, fino a domenica 10 novembre 2019, la fortezza aragonese che ospita il Museo archeologico dei Campi Flegrei diventerà un laboratorio – con tanto di tavoli, sedie e tutor – per la trasformazione in progetti per la prossima valorizzazione delle proposte venute dal territorio. Uno sguardo al futuro senza perdere di vista il passato. Alla maratona si sono iscritte 136 persone con 80 “idee” che vanno da percorsi di turismo slow ad azioni specifiche di coinvolgimento dei cittadini flegrei, da percorsi tematici a base di arti performative e musica all’ideazione di eventi e festival ad hoc. In molti casi con un’attenzione speciale alla sostenibilità ambientale e al mondo del sociale e dell’inclusione.

Entusiasta Fabio Pagano: «Sapevamo che sarebbe andata bene ma non ci aspettavamo una risposta così. Proposte stimolanti, ampia partecipazione da parte dei giovani di cui siamo stati capaci di intercettare l’interesse, per il Parco saranno tre giorni di formazione. Questa iniziativa rappresenta una grande occasione per tutto il territorio». L’iniziativa si inquadra all’interno del processo di costruzione del piano strategico e del modello di gestione e propone un’innovazione metodologica che consenta una sperimentazione ispirata al modello di progettazione partecipata attiva e fattiva.

Per tre giorni i partecipanti lavoreranno insieme agli esperti – previsti gli approfondimenti di Ledo Prato dell’associazione Mecenate 90, di Marco D’Isanto consulente di imprese e istituzioni culturali, di Stefano Consiglio dell’Università Federico II e di Francesca Lambertini di Bam! Strategie culturali – per ideare e condividere iniziative e progetti con l’obiettivo comune di mettere a valore le risorse del territorio e auspicare una fattiva fruttuosa collaborazione. Il workshop si apre oggi alle ore 14,30 con la presentazione del direttore del Parco Fabio Pagano e si concluderà domenica alle 12,30 con i commenti di Antonio Lampis, direttore generale Musei del Mibact e Pagano. Per maggiori informazioni: bit.ly/ilparcodelleidee



mm

Redazione

Made in Pompei è una rivista di promozione territoriale e informazione culturale, turistica, enogastronomica, scientifica ed economica.

Lascia un commento