Napoli, pareggio e polemiche: con l’Atalanta domina, ma finisce 2-2

Al doppio vantaggio degli azzurri prima con Maksimovic e poi con Milik rispondono gli orobici con Freuler e Ilicic

NAPOLI. Finisce in pareggio, due reti per parte, ma soprattutto tra le polemiche (che hanno portato addirittura all’espulsione di Ancelotti), il match casalingo del Napoli contro l’Atalanta in questo turno infrasettimanale di Serie A. Al doppio vantaggio degli azzurri prima con Maksimovic e poi con Milik rispondono prima Freuler e poi Ilicic, che fissa il punteggio sul definitivo 2 a 2. I partenopei dominano per larghi tratti della partita e solo due incertezze difensive dei padroni di casa permettono ai nerazzurri di uscire imbattuti dal San Paolo.

Per il Napoli torna in porta Meret, Ancelotti si affida al turn-over dando una chance in difesa a Maksimovic con Luperto spostato a sinistra. Riposa Mertens, gioca Lozano in coppia con Milik, Callejon e Insigne sono larghi sulle fasce. Il Napoli prova ad essere aggressivo sin dall’inizio. C’è subito un colpo di testa da calcio d’angolo di Koulibaly che però Gollini blocca senza problemi. Un minuto dopo, la prima buona occasione per gli azzurri che arriva dalla combinazione Lozano-Milik: il rasoterra del polacco è insidioso ma il portiere dell’Atalanta si salva d’istinto.

Gli orobici replicano al 7’: Ilicic calcia una punizione che Meret respinge, Gosens manca di un soffio la deviazione vincente. Quattro minuti dopo gli azzurri però perdono Allan per infortunio: al suo posto Ancelotti inserisce Zielinski. Il Napoli però insiste. Al 12’ un’ottima occasione capita a Callejon innescato da Insigne, ma il portiere nerazzurro chiude bene lo specchio della porta allo spagnolo. Passano quattro minuti e i partenopei trovano il gol del vantaggio con Maksimovic: l’azione parte da un corner sui cui sviluppi il cross di Callejon è perfetto per l’incornata del difensore che supera Gollini (1-0). Per Maksimovic è il primo gol al San Paolo con la maglia del Napoli (il secondo assoluto in Serie A).

Al 18’ proprio il marcatore azzurro salva su un tiro pericoloso di Gomez. Al 22’ Napoli ancora vicinissimo al gol con Milik: il polacco prova il tap-in di testa su una respinta di Gollini dopo un tiro di Fabian Ruiz ma colpisce il palo; sulla ribattuta non riesce spedire il pallone in rete e i nerazzurri si salvano ancora. Al 37′ c’è il lancio di Koulibaly, Insigne rientra sul destro, ma la conclusione finisce tra le braccia di Gollini. Gli orobici replicano al 39’ da corner: colpo di testa alto di Toloi. Al 41’ però l’Atalanta pareggia: combinazione tutta di prima tra Ilicic, Toloi e Freuler, con il tiro di quest’ultimo che passa tra le gambe di Meret (1-1). In pieno recupero (48′) una punizione calciata da Insigne si perde sul fondo.

Nell’intervallo nessun cambio per le due squadre. Al 52’ l’Atalanta ha una buona occasione: Pasalic si gira in area e il suo destro sfiora il palo difeso da Meret. Da qui in avanti, però, si vedrà in campo soltanto il Napoli. Al 55’ Insigne avanza palla al piede, ma il suo tiro dal limite non è forte e Gollini blocca senza difficoltà. Ancelotti fa entrare Mertens al posto di Lozano. Quattro minuti dopo una buona giocata del neo entrato Mertens libera al tiro Insigne, il cui tiro stavolta è potente ma finisce di poco alto. Al 60’ ci prova anche Luperto dai 30 metri, ma la conclusione si alza oltre la traversa.

Minuto 63: Fabian Ruiz innescato da Mertens non riesce a superare Gollini in uscita che gli chiude lo spazio. Il monologo azzurro continua al 67’ quando Milik colpisce una traversa su calcio di punizione. Il polacco, però, si rifà poco dopo (71’) e dà concretezza al predominio partenopeo in campo: lancio con il contagiri di Fabian Ruiz, Milik aggancia, dribbla il portiere e insacca comodamente in rete per il nuovo vantaggio azzurro (2-1). Al 72’ Fabian Ruiz lanciato da Insigne ha ancora un’occasione per aumentare il bottino, ma la sua conclusione esce di pochissimo.

L’Atalanta si rivede in avanti solo al 76’ con De Roon, ma il tiro è alto e non impensierisce Meret. All’85’ un colpo di testa di Toloi su calcio di punizione di Ilicic è bloccato senza affanni da Meret. Il Napoli controlla e prova ad affondare di nuovo un colpo vincente. Ma all’86’ accade l’inimmaginabile: Toloi trova il corridoio giusto per Ilicic, che supera il portiere azzurro per il nuovo pareggio atalantino.

Si riprende a giocare dopo più di cinque minuti per le proteste dei giocatori del Napoli, che lamentavano un presunto intervento da rigore su Llorente sull’azione che poi, sul prosieguo, ha portato al pareggio degli ospiti. Per proteste trova il giallo Insigne e addirittura l’espulsione Ancelotti. L’arbitro concede 8 minuti di recupero. Sulla ripresa del gioco (91’), Meret compie un miracolo ancora su un colpo di testa insidioso di Ilicic, mentre al 96’ Callejon spara alto una buona occasione per segnare.

NAPOLI-ATALANTA 2-2 (1-1)

NAPOLI (4-4-2): Meret – Di Lorenzo, Koulibaly, Maksimovic, Luperto – Callejon, Allan (11’ Zielinski), Fabian Ruiz, Insigne – Lozano (59’ Mertens), Milik (82’ Llorente). A disposizione: Ospina, Karnezis, Mario Rui, Tonelli, Gaetano, Younes, Elmas. All. Ancelotti.
ATALANTA (3-4-2-1): Gollini – Toloi, Djimsiti (64’ Kjaer), Palomino – Hateboer, de Roon, Freuler, Gosens – Gomez (74’ Muriel), Pasalic (69’ Castagne) – Ilicic. A disposizione: Sportiello, Rossi, Masiello, Ibanez, Arana, Malinovskiy, Barrow. All. Gasperini.
RETI: 16’ Maksimovic (N), 41’ Freuler (A), 71’ Milik (N), 86’ Ilicic (A),
ANGOLI:
AMMONITI: Toloi (A), Maksimovic (N), Pasalic (A), Insigne (N),
ESPULSI: Ancelotti
ARBITRO: Giacomelli.

Redazione Made in Pompei

Redazione Made in Pompei

Made in Pompei è una rivista mensile di promozione territoriale e di informazione culturale fondata nel 2010.

Rispondi