Pompei conferirà la cittadinanza onoraria all’archeologo Masanori Aoyagi

Lo studioso è considerato “uno di casa” per aver eseguito lo scavo della Casa della Nave Europa nella città antica





POMPEI. “Per il suo continuo prodigarsi a nuove scoperte applicando le più moderne tecnologie, in modo da restituirci e ricostruire scientificamente le radici del nostro passato”. È la motivazione alla base dell’evento comunale fissato per venerdì 4 ottobre 2019 (Palazzo De Fusco, ore 11) con una cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria di Pompei al professore Masanori Aoyagi, noto studioso dell’antichità classica con un curriculum ricco di titoli accademici, esperienze professionali di grande livello, premi, impegni accademici ed istituzionali, oltre a numerosi riconoscimenti internazionali.

A Pompei Masanori Aoyagi è considerato “uno di casa” per l’aver preso parte allo scavo delle antiche rovine del Parco Archeologico di Pompei. Lo studioso giapponese è stato tra l’altro curatore della mostra “Augustus and the Roman Imperium”, presso il Tokyo National Museum for Western Art and Civilization, dal novembre 2009 all’agosto 2010 con la partecipazione del presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano. Le sue più importanti pubblicazioni su Pompei riguardano gli affreschi di Villa dei Misteri, la Casa della Nave Europa (da lui stesso scavata) e la partecipazione ad un prezioso testo sulle pitture su Pompei.

Il contributo scientifico che probabilmente ha dato il maggior impulso alla sua indiscussa notorietà internazionale riguarda la ricerca multidisciplinare sulla “villa di Augusto” sempre nel contesto archeologico vesuviano. L’evento, che sarà presieduto dal sindaco di Pompei, Pietro Amitrano, e dall’assessore al Turismo, Salvatore Perillo, prevede l’intervento del professore Antonio de Simone e del professore Umberto Pappalardo. Le conclusioni saranno dello stesso professore Masanori Aoyagi.



mm

Mario Cardone

Giornalista, economista ed ex bancario, ha una moglie, una figlia e quattro gatti; ex socialista ex sindacalista Cgil

Lascia un commento