Premio Nettuno, serata di gala con grandi ospiti

La manifestazione ha l’obiettivo di valorizzare il territorio e le eccellenze di Torre Annunziata e dei Comuni limitrofi





TORRE ANNUNZIATA. Si è tenuta anche quest’anno a Torre Annunziata, come tradizione vuole dal 2016, la serata di gala del Premio Nettuno, manifestazione che ha come obiettivo quello di valorizzare il territorio e le eccellenze di questa città e dei Comuni limitrofi. La kermesse, che per la seconda edizione si è tenuta a Villa Tiberiade e ha avuto come sponsor Yma, Dimaioflex, Le Camerette, Zeus Sport, Maximall Oplonti, Blue Marlin Club, è stata presentata da un duo di eccezione, Titta Masi e Peppe Iodice, che all’occorrenza, si sono trasformati anche in cantanti assieme all’Orchestra Italiana capitanata da Gianni Conte.

Tanti sono stati gli ospiti della serata di gala, organizzata nei minimi particolari da Francesco Paolo Sequino, ideatore e patron del Premio Nettuno, e dal suo regista Onofrio Brancaccio: dall’Orchestra Italiana di Gianni Conte, alla giovane cantante Federica Cardone, passando per Fatima Trotta che ha saputo catalizzare, con la sua simpatia, le attenzioni del pubblico. Quest’ultima, inoltre, ha ricevuto da Luigi Mastronardi, rappresentante della Cameo italiana, un Cameo realizzato dal maestro Giovanni Ventresca.

Ad alternarsi sul palco sono state anche numerose personalità di Torre Annunziata e non solo, che, nel corso degli anni, si sono distinte nel mondo della giustizia, delle arti, del giornalismo, della ricerca e tanti altri campi. Infatti ad essere premiati, oltre ai già citati Gianni Conte e Fatima Trotta, sono stati la ballerina e, come ha dimostrato, anche cantante Rossella Lubrino, Leandro Del Gaudio, giornalista de Il Mattino, Felicio De Luca, capo dei revisori dei conti della Lega Nazionale Dilettanti della Figc, Cosimo Sibilia, presidente della Lega Nazionale Dilettanti, Nicola Vitiello, professore associato presso l’istituto di bio-robotica della scuola superiore Sant’ Anna di Pisa.

Tuttavia il premio è stato consegnato, oltre che alle personalità appena elencate, anche alle scuole vincitrici del progetto “Marinando a Scuola”, che coinvolge tanti istituti del territorio nella realizzazione di idee e lavori che hanno come protagonista il mare, a classificarsi primi sono stati: il 2° Circolo didattico “Giancarlo Siani” per la scuola primaria e l’Istituto comprensivo “Giacomo Leopardi”, per la scuola secondaria di primo grado.

Altro premio è stato consegnato all’istituto alberghiero “Filangieri” di Cava de’ Tirreni, vincitore della sezione “Chef” del Premio Nettuno. A fine serata, come da tradizione, è stato consegnato dal presidente Francesco Paolo Sequino e dal sindaco di Torre Annunziata Vincenzo Ascione il Premio Nettuno, un riconoscimento che quest’anno è stato attribuito al presidente del Tribunale di Torre Annunziata Ernesto Aghina, come riconoscimento alla sua figura di rappresentate della legge e alla sua opera di contrasto alla camorra sul territorio.



mm

Alessio Barco

Sono un giornalista pubblicista, ho 20 anni e sono di Torre Annunziata. Studio Giurisprudenza e ho molte passioni, tra cui quella per il giornalismo, nata tra i banchi di scuola fin dalle elementari, quando iniziai a scrivere i miei primi articoli per il giornalino scolastico. Altra passione è quella per la Cultura, in particolare per l’Archeologia, coltivata anch’essa sin da bambino e alimentata attraverso la partecipazione alla vita associativa e culturale della mia città.

Lascia un commento