Salerno, al via il Campania Blues Festival

Quest’anno, saranno tre le serate, tutte ad ingresso libero e con doppio concerto, che infiammeranno il pubblico





SALERNO. “Il blues è solo un brivido profondo e doloroso”. È a definizioni come questa, cantata nei primi anni quaranta dal chitarrista nero Son House, che spesso si è fatto ricorso nel tentativo di descrivere il blues. Da ben 14 anni prova a descrivere e a far toccare con mano i suoi effetti e tutta l’ampiezza di un fenomeno storico e di immensa popolarità, Domenico “Mimmo” Spena, direttore artistico del Campania Blues Festival, da quattro anni di stanza a Salerno, ospite del Premio Charlot, di Claudio Tortora.

Quest’anno, saranno tre le serate, tutte ad ingresso libero e con doppio concerto, che infiammeranno il pubblico. Apertura all’Arena del Mare venerdì 19 luglio 2019, dove alle 21,15 salirà sul palcoscenico Tito Esposito, semifinalista all’Italian Blues Challenge 2015, in duo con il batterista Andrea Di Cintio  che si distingue per un sound che nasce dall’incontro tra la tradizione italiana e il Country Blues americano, con un po’ di Chicago Blues e sonorità Soul e Reggae e presenterà alcuni brani del suo ultimo lavoro “Giorgia Line”.

A seguire, la performance della vera star dela rassegna – Doyle Bramhall II, un mostro sacro: chitarrista, cantante, produttore, songwriter che ha collaborato con Roger Waters, Elton John, Gregg Allmani fratelli Vaughan e prodotto e scritto canzoni per Sheryl Crow e la Tedeschi Trucks Band. Soprattutto, Doyle ha trascorso oltre un decennio come braccio destro di Eric Clapton, lavorandoci sia in studio che sul palco.

La sua proposta s’intitola “Shades” è il debutto di Doyle Bramhall II, in cui il chitarrista si spende senza riserve mettendosi totalmente in gioco come produttore, polistrumentista, cantante e spremendosi  letteralmente a favore di canzoni e arrangiamenti. Il suono conserva una accattivante sporcizia e suadente ruvidità che trasudano genuinità artistica, attraverso grandi assolo, spruzzati di grunge, ballad, in un grande cocktail musicale.

Sabato 20 luglio 2019 ci si sposterà al Parco dell’Irno, dove verrà allestito un piccolo villaggio con mercatino musicale e stand enogastronomici. Qui salirà in prima pedana la Tito Blues Band con Gabriele “Tito” Capaccioni alla voce, chitarra, armonica, Alessandro “Zibo” de Maio al basso e cori e Marco Donati alla batteria sul palco la band “Blair Crimmins and The Hookers”, composta da Justin Roberts (basso), Colin Agnew (batteria), Dustin Cottrell (pianoforte),Taylor Kennedy (sax, clarinetto), Darren English (tromba) e dal leader Blair Crimmins alla voce, chitarra e banjo, latrice di un suono che è al tempo stesso unico e ispirato.

Lo stesso Crimmins ha iniziato a svilupparlo qualche tempo fa, affinando la magia del ragtime e degli anni ’20, abbinato a un po ‘di jazz di Dixieland. E siamo alla giornata conclusiva, di domenica 21 luglio 2019, sempre al Parco dell’Irno, che vedrà salire, alle 21,15, in apertua dalla Sardegna la Bad Blues quartet quindi il passaggio del testimone, intorno alle 22,30, quando  la ribalta sarà tutta di Tom Attah, un interprete forte, intriso di soul e blues acustico.

In veste di chitarrista e cantante, Tom si esibirà in trio elettrico. La sua opera acustica solista include le sue originali composizioni blues e ha portato a esibizioni nei maggiori festival musicali in Europa, tra cui i principali palchi al Glastonbury Festival of Contemporary Performing Arts, il Great British Rhythm & Blues Festival e il Blues Autour Du Zinc. Combinando il potere grezzo di Son House con i ritmi ipnotici di Howlin Wolf e il ruggito a canestro dei vecchi blues, gli spettacoli live di Tom portano il pubblico in un viaggio dal delta al download con intensità del XXI secolo. Tradizionale e di transizione, Tom è il moderno, vivente, bluesman. Prendendo la musica dal passato e portandola nel futuro, Tom ha storie da raccontare e canzoni da suonare.



mm

Redazione

Made in Pompei è una rivista di promozione territoriale e informazione culturale, turistica, enogastronomica, scientifica ed economica.

Lascia un commento