Hub ferroviario, parte la progettazione della stazione di interscambio tra le linee Rfi e Eav

Il progetto si affianca al miglioramento della viabilità e al rilancio generale della zona a valle dell’area archeologica





POMPEI. Hub ferroviario, parte la fase di progettazione della stazione di interscambio tra le linee ferrate Rfi e Eav. Lo ha annunciato una nota di Ferrovie dello Stato. Nell’ambito del Piano strategico per lo sviluppo delle aree comprese nel piano di gestione del sito Unesco “Aree archeologiche di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata”, varato il 20 marzo 2018 – si legge nella nota – riveste particolare rilevanza la realizzazione di una interconnessione ferroviaria a Pompei tra la linea Rfi Napoli-Salerno e quella Eav (ex Circumvesuviana) Napoli-Sorrento.

Con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Regione Campania, del Comune di Pompei, e con il coordinamento dell’Unità Grande Pompei, si è pervenuti a una ipotesi progettuale condivisa che sarà sviluppata da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo Fs Italiane) quale soggetto attuatore, con il contributo tecnico di Eav.

In un’ottica di sostenibilità ambientale si rafforza così l’obiettivo primario di potenziare il trasporto pubblico su ferro e migliorare l’accessibilità e l’interconnessione dei siti di interesse culturale e turistico del territorio, sfruttando la rete infrastrutturale esistente al fine di ridurre il traffico veicolare nell’area vesuviana costiera, fino alla penisola sorrentina, che in questo modo diventa raggiungibile su ferro anche da Salerno.

Il progetto dell’hub si affianca al miglioramento della viabilità per l’accesso alla nuova stazione, in linea con la strategia di rilancio generale della zona a valle dell’area archeologica, espressa dal Comune di Pompei. L’opera e’ finanziata per complessivi 33 milioni di euro, di cui 30,6 stanziati con delibera Cipe 54/2016.



mm

Redazione

Made in Pompei è una rivista di promozione territoriale e informazione culturale, turistica, enogastronomica, scientifica ed economica.

Lascia un commento