Conclusa con record di visite al Mann la mostra Canova e l’Antico

In poco più di tre mesi 300mila visitatori sono stati al Mann: un trend in crescita di oltre il 40% rispetto al 2018





NAPOLI. Si è conclusa ieri, al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, la mostra “Canova e l’antico”, promossa con il Museo Statale Ermitage di San Pietrobrugo e con la collaborazione di Ermitage Italia: l’esposizione, che è stata organizzata insieme a Villaggio Globale International ed  ha raccolto nell’atrio e nel Salone della Meridiana del Mann oltre 110 capolavori del Maestro di Possagno, è stata accompagnata da un’ottima risposta di pubblico e critica. I numeri confermano i feeling, ed è già record: in poco più di tre mesi di programmazione, dallo scorso 28 marzo al 1° luglio 2019, 300.000 visitatori sono stati al Mann, segnando un trend in crescita di oltre il 40% rispetto allo stesso periodo del 2018.
«Mentre salutiamo i capolavori di Canova tracciando l’entusiasmante bilancio di una mostra che resterà nella storia recente della città, annunciamo come in un simbolico passaggio di consegne la prossima esposizione dedicata al Neoclassicismo: nel novembre del 2020, in virtù dei recenti accordi con il Museo Thorvaldsen di Copenaghen,  il Mann ospiterà una importante mostra  dedicata all’artista danese che visse e lavorò a  Roma, dopo un breve passaggio per Napoli,  ispirato dalle antichità classiche e da Canova», ha commentato il direttore del Museo Archeologico Nazionale, Paolo Giulierini.



mm

Redazione

Made in Pompei è una rivista di promozione territoriale e informazione culturale, turistica, enogastronomica, scientifica ed economica.

Lascia un commento