Polla, libri in cambio di bottiglie di plastica e di lattine vuote

L’intento del progetto è pedagogico: attraverso la promozione della lettura si insegna ai giovani la cura dell’ambiente





POLLA. Presso l’Ex Libris Cafè di Polla (provincia di Salerno), lo scorso 10 giugno 2019 si è tenuto l’incontro tra il librario Michele Gentile, l’editore Pietro Graus e la scuola elementare di Polla su iniziativa di Vito Pinto, giornalista e scrittore salernitano della casa editrice. L’originale campagna di sensibilizzazione nasce da un’idea del libraio salernitano Michele Gentile ed è promossa dall’editore napoletano Pietro Graus che, proprio in occasione dell’evento, ha regalato una voluminosa quantità di libri per sostenere attivamente il progetto “Non rifiutiamoci”.

«Tale iniziativa», spiega con entusiasmo l’editore, «ha un duplice fine: cercare di debellare l’ignoranza e tentare di arginare il gravoso problema dei rifiuti con la potente arma della cultura». Solo spronando un bambino alla lettura si avrà un adulto capace di riflettere e in grado di evitare il progressivo deturpamento del pianeta Terra. Uno scambio a dir poco singolare quello che avviene all’interno della libreria di Michele Gentile: una bottiglia di plastica o una lattina di alluminio usata in cambio di un libro.

In molti stanno rispondendo positivamente all’appello, soprattutto i più piccoli che, così facendo, gettano le basi per un futuro migliore. L’iniziativa consolidatasi questa mattina ha convogliato non solo il libraio e l’editore ma anche una allegra combriccola di alunni e insegnanti dell’Istituto comprensivo San Rufo di Salerno. L’intento del progetto è pedagogico poiché attraverso la promozione della lettura si insegna ai più giovani ad avere cura dell’ambiente tramite un riciclaggio costruttivo. «Meno rifiuti e più cultura» ha esordito l’editore Pietro Graus che, con ammirazione, ha patrocinato e rafforzato la geniale iniziativa del libraio.



mm

Redazione

Made in Pompei è una rivista di promozione territoriale e informazione culturale, turistica, enogastronomica, scientifica ed economica.

Lascia un commento