Verso il Jazzit Fest: ecco l’Open Day per incontrare cittadini, appassionati e volontari

Durante l’incontro il comitato organizzativo di Civitates Pompei fornirà tutte le informazioni riguardo il Festival





POMPEI. Il Jazzit Fest di giugno si avvicina e i promotori hanno organizzato per domenica 5 maggio 2019 dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 16 alle 21, in via San Giuseppe 14, un vero e proprio Open Day per spiegare l’evento ai cittadini e a tutte le persone interessate a conoscere da vicino quella che sarà una grande festa della musica a Pompei. Durante l’Open Day l’intero comitato organizzativo di Civitates Pompei sarà lieto di fornire tutte le informazioni riguardo questa straordinaria avventura del Jazzit Fest, che si terrà il 28, 29 e 30 giugno 2019 a Pompei. All’Open Day si potrà scoprire come far parte di questa importante esperienza civica all’insegna della musica. Un’occasione giusta per richiedere anche informazioni riguardo la partecipazione ai Laboratori musicali gratuiti offerti dall’Accademia Artemus in occasione del Festival.

Il Jazzit Fest è un evento costruito attorno alla ”Residenza Creativa” di circa quattrocento musicisti e addetti ai lavori provenienti da tutto il mondo che si danno appuntamento per incontrarsi, conoscersi, esibirsi e comporre nuova musica, trasformando il paese ospitante in un luogo di sperimentazione artistica, culturale ed economia.

Ciò che distingue il Jazzit Fest è il fatto che la comunità locale che ospita l’evento diventa protagonista dell’organizzazione e della comunicazione dell’evento, offrendo accoglienza e ristoro ai musicisti partecipanti alla manifestazione, ed è inoltre coinvolta in un percorso di “accensione civica” promosso da Civitates, che accompagna i mesi precedenti all’evento. Infatti gli abitanti sono guidati a sperimentare sul proprio territorio una serie di progetti per il sociale, come laboratori teatrali e musicali per tutti i ragazzi che hanno difficoltà a relazionarsi a scuola, quindi che favoriscano l’inclusione sociale e non solo. Sono previsti anche progetti di educazione e passione civica con attività di rigenerazione urbana.

L’evento vuole così dimostrare che la musica è uno straordinario strumento di valore pedagogico, culturale e sociale, capace di sollecitare nuove sinergie positive e relazioni sociali, così da promuovere un processo di “cambiamento dei comportamenti” destinato a far sentire una comunità più virtuosa, responsabile, cooperativa, inclusiva, accogliente e solidale.

Il Jazzit Fest si finanzia attraverso donazioni, sponsorizzazioni, bandi, merchandising e servizio ristoro, quindi non gode di contributi diretti da parte dell’amministrazione pubblica locale. Per sollecitare filantropia e mecenatismo attorno alla musica, all’arte e alla creatività, l’organizzazione destinerà il 50% delle donazioni liberali e il 20% delle sponsorizzazioni raccolte alla nascita di una “Ludoteca Sociale” a Pompei: uno spazio civico destinato al superamento di qualsiasi diversità e fragilità derivanti da povertà, disabilità e solitudine. Tutti possono scegliere di far parte di questa grandiosa iniziativa nei modi e nei termini che ciascuno deciderà, attraverso sponsorizzazioni, donazioni, accoglienza e ristoro.



mm

Redazione

Made in Pompei è una rivista di promozione territoriale e informazione culturale, turistica, enogastronomica, scientifica ed economica.

Lascia un commento