Ercolano, boom di presenze nel ponte di Pasqua

Oltre 12mila presenze registrate in quattro giorni: merito della Via Crucis ma anche dei cantieri live e della mostra Splendori

ERCOLANO. Dopo la Via Crucis per le strade di Ercolano e nella città antica, il sito archeologico ha fatto registrare un exploit di presenze con un fine settimana da record: dal Venerdì Santo al Lunedì in Albis – 19 aprile a 22 aprile 2019 – si sono contate oltre 12.000 presenze. «Sono orgoglioso di annunciare questi numeri – dichiara il direttore Francesco Sirano – perché dietro ad ognuna di queste presenze c’è grande impegno da parte di tutto il personale, che ringrazio per il generoso impegno che quotidianamente assicura nell’adempimento dei compiti affidati e per il senso di appartenenza dimostrato».

«La direzione intrapresa – aggiunge ancora Sirano – è quella della tutela e valorizzazione del patrimonio culturale, nell’interesse dei cittadini residenti in questi territori e dei turisti che possano portare con sé l’esperienza di visita di un importante sito Unesco dell’area vesuviana». Il Parco Archeologico di Ercolano diventa meta sempre più ricercata e scelta dai visitatori con un’offerta che si sta ampliando nel tempo: forte attrattore è la Mostra SplendOri. Il lusso negli ornamenti ad Ercolano in corso presso l’Antiquarium del Parco, sugli ori e gli oggetti di lusso appartenuti agli antichi abitanti di Ercolano.




Dal 19 aprile, inoltre, grazie a “Close-up Restauri a porte aperte”, ogni venerdì mattina, alle ore 11.00 e alle ore 12.00, i visitatori del Parco possono accedere ai cantieri di restauro in corso nell’area archeologica nell’ambito delle campagne di manutenzione sia programmata che straordinaria, e parlare con i conservatori per scoprire il loro lavoro: per venerdì 26 aprile previsto l’accesso al cantiere del Sacello degli Augustali. Di forte impatto, inoltre, è stata la Via Crucis svoltasi all’interno del Parco nella serata del Venerdì Santo che ha visto un’affollata partecipazione soprattutto di residenti, avanzando così verso l’ambita meta di diventare punto di riferimento per la popolazione locale e dimostrando che un Parco archeologico può essere un luogo del contemporaneo.

È intanto di questi ultimi giorni la pubblicazione, da parte del Parco, di un avviso pubblico rivolto ad enti del terzo settore per la presentazione di manifestazioni di interesse per la concessione del Parco Amedeo Maiuri per la realizzazione di attività di coinvolgimento del pubblico, di valorizzazione culturale ed eventi di alto profilo scientifico, al fine di rendere il Parco sempre più accogliente e vivace nella sua proposta di divulgazione. L’obiettivo è quello di predisporre un calendario di attività, eventi culturali e scientifici che andranno ad integrarsi con l’offerta del Parco, per una proposta sempre più estesa e variegata. Il Parco Archeologico di Ercolano resta regolarmente aperto nei giorni del 25 aprile e 1° maggio 2019 dalle ore 8.30 alle ore 19.30 (ultimo ingresso alle ore 18.00).



mm

Redazione

Made in Pompei è una rivista di promozione territoriale e informazione culturale, turistica, enogastronomica, scientifica ed economica.

Lascia un commento