Napoli, passo falso a Empoli: i toscani si impongono per 2-1, inutile il gran gol di Zielinski

Gli azzurri si sono visti solo a tratti e i cambi di Ancelotti nella ripresa non sono riusciti a dare la scossa alla squadra

EMPOLI. Agli azzurri non riesce la doppietta in trasferta e dopo il roboante successo dell’Olimpico cadono sul campo di un Empoli molto motivato e in piena lotta per la salvezza. Il Napoli si è visto solo a tratti e i cambi di Ancelotti non sono riusciti a dare una scossa ad una squadra che ha tenuto quasi sempre i ritmi bassi, forse già con la testa alla sfida con di Europa League con l’Arsenal della prossima settimana. L’allenatore azzurro ha puntato molto sul turnover, inserendo Younes e Ounas dal primo minuto, lasciando in panchina, tra gli altri, Verdi, Mertens e Ruiz, subentrati nella ripresa, ma senza imprimere una svolta alla gara.

Dopo 6’ è il Napoli ad aprire le ostilità con Zielinski che ci prova dai 25 metri, ma il suo destro è centrale ed è facile preda di Provedel. I toscani replicano all’8’ con Caputo che in area riceve un passaggio filtrante e calcia verso la porta, ma il tiro viene bloccato da Koulibaly con una sorprendente scivolata, che mette il pallone in angolo. Al 21’ Caputo riceve una buona palla in area e va al tiro di prima intenzione. La mira è però fuori misura e il pallone termina in curva. Tra il 22’ e il 25’ ci provano ma senza fortuna anche Younes (tiro fuori) e Milik (colpo di testa debole). Al 26’ ancora Milik manca una buona occasione: stacca bene sul cross ma colpisce debolmente di testa all’altezza del dischetto, pallone alto sopra la traversa.

Al 28’, però, sono i padroni di casa a passare in vantaggio, anche con un pizzico di fortuna: il tiro di Farias dal limite dell’area viene deviato da Zielinski che spiazza Meret e finisce in rete. Otto minuti dopo è ancora l’Empoli a sfiorare il gol con Caputo lanciato verso la porta degli azzurri: ma l’uscita di Meret è straordinaria e con il corpo riesce a respingere il tiro dell’attaccante.

Al 44’ gli azzurri pareggiano. È proprio Zielinski (alla sua 100esima partita in Serie A con la maglia del Napoli) a lasciar partire un missile terra-aria dalla distanza che si insacca sotto la traversa: nulla da fare per Provedel. In pieno recupero c’è anche una buona chance per Ounas, ma il diagonale dell’algerino finisce fuori di un soffio. Si va all’intervallo sul punteggio di 1 a 1.

Le squadre tornano in campo senza cambi. I padroni di casa ripartono con lo sprint. Al 48’ ci provano con Pajac (tiro deviato in angolo) e un minuto dopo ancora con Farias (sul fondo). I toscani insistono e al 51’ ancora un grande intervento di Meret evita il peggio su un tiro di Traorè, ma sul calcio d’angolo che ne segue (53’) non può nulla e l’Empoli torna in vantaggio con un colpo di testa di Di Lorenzo.

Prima dell’ora di gioco Ancelotti prova a cambiare l’esito della gara, inserendo Mertens al posto di Ounas e Fabian Ruiz per Younes. Ma in questa fase gli azzurri sono in difficoltà. Al 64’ è Zielinski che prova a scuotere i suoi con un diagonale in area, ma il tiro si spegne sul fondo. Quattro minuti dopo è Milik, al termine di una bella azione in velocità del Napoli, a provare il tiro verso la porta empolese, ma Provedel riesce respingere in corner.

Ma al 75’ è ancora l’Empoli a sfiorare il gol con Caputo lanciato verso la porta, ma ancora una volta Meret è provvidenziale in uscita per evitare il gol. Ancelotti tenta il tutto per tutto inserendo Verdi per Malcuit e proponendo un Napoli a trazione anteriore. Tutto quello che riesce a produrre però è un tiro dalla distanza di Allan che finisce fuori misura. In pieno recupero un colpo di testa di Milik è troppo debole per impensierire Provedel. Il triplice fischio di Doveri mette fine alle ostilità e alle speranze del Napoli di raddrizzare la gara. (Foto: Ssc Napoli – Facebook).

EMPOLI-NAPOLI 2-1 (1-1)

EMPOLI (3-5-2): Provedel, Veseli, Silvestre, Maietta, Di Lorenzo, Traorè, Bennacer, Krunic (38’ Brighi), Pajac (90’ Antonelli), Farias, Caputo. A disposizione: Perucchini, Saro, Pasqual, Capezzi, Oberlin, Ricci, Nikolaou, Belardinelli. All. Andreazzoli.
NAPOLI (4-4-2): Meret, Malcuit, Luperto, Koulibaly, Mario Rui, Callejon, Allan, Zielinski, Younes, Ounas, Milik. A disposizione: Karnezis, D’Andrea, Hysaj, Maksimovic, Zedadka, Ruiz, Verdi, Mertens, Gaetano. All. Ancelotti.
RETI: 28’ Farias (E); 44’ Zielinski (N); 53’ Di Lorenzo (E)
ANGOLI: 8-2
AMMONITI: Koulibaly (N), Milik (N), Traorè (E), Pajac (E).
ARBITRO: Doveri

mm

Redazione

Made in Pompei è una rivista di promozione territoriale e informazione culturale, turistica, enogastronomica, scientifica ed economica.

Lascia un commento