Il 2019 sarà… “Un anno da chef”

Ecco il calendario degli chef, nato da un’idea del fotografo Gianni Cesariello e della giornalista Allegra Ammirati

POMPEI. Il 2019 sarà un anno tutto “da gustare”, grazie alla prima edizione del calendario “Un anno da Chef ”, nato da un’idea del fotografo Gianni Cesariello e della giornalista Allegra Ammirati. «L’intento era quello di  proporre, attraverso l’obiettivo, un’immagine diversa del solito chef da sempre visto dietro ai fornelli tra pentole, mestoli e mille ingredienti – sottolineano gli ideatori –  In copertina non poteva mancare lo chef Alfonso Iaccarino, Ambasciatore della Dieta Mediterranea, nonché Maestro ai fornelli per tutti noi amanti del food». Dodici professionisti, uno per ogni mese dell’anno, accuratamente scelti sulla base delle loro esperienze professionali.

Lo chef Alfonso Iaccarino, Ambasciatore della Dieta Mediterranea, ha curato la copertina di “Un anno da Chef”. Questi gli chef presenti nel calendario: Aniello Abagnale (gennaio), Angelo Borghese (febbraio), Ciro Campanile (marzo), Gian Marco Carli (aprile), Endoni Di Lieto (maggio), Marco Di Martino (giugno), Maurizio Di Ruocco (luglio), Paola Fiorentino (agosto), Alberto Fortunato (settembre), Petronilla Naclerio (ottobre), Giovanni Sorrentino (novembre), Giorgio Vitiello (dicembre). La pagina mensile vede riprodotta la foto dello chef, la sua visione di cucina, una piccola ricetta e la classica griglia dei giorni ovviamente personalizzate.

L’iniziativa è stata presentata lo scorso 19 dicembre presso il ristorante “Il Principe” di Pompei, alla presenza dello chef Alfonso Iaccarino, che spiega: «Per noi la grande cucina si fa nel campo, come i grandi vini in vigna. Il cibo è frutto di cose semplici: amore, passione, onestà, cultura, antropologia, storia. È vita dei popoli. Tanti sono i messaggi e le emozioni che il cibo e la cucina sono in grado di esprimere e di trasmettere. Ho sempre sentito forte dentro di me una grande responsabilità ed è per questa ragione che, mia moglie ed io, nel 1985 cominciammo a seguire la filosofia del biologico, tramite la nostra azienda agricola biologica “Le Peracciole”».

Immerso nello straordinario scenario di Punta Campanella, Alfonso Iaccarino guida l’azienda agricola biologica “Le Peracciole”, sette ettari distribuiti nella zona più selvaggia della Penisola Sorrentina. Produce un pregiato olio d’oliva extravergine, la maggior parte degli ortaggi per il ristorante ed il celebre liquore di limoni, tutti ingredienti che rendono unici i piatti del Don Alfonso 1890. Il Ristorante è lo specchio di una filosofia che innova rispettando la cultura e le tradizioni alimentari millenarie della Penisola Sorrentina e della Costiera Amalfitana. Ricavati da un palazzo napoletano del XIX secolo, gli ambienti design del ristorante hanno colori vivaci – lilla, giallo, arancio e rosa – pensati per esaltarsi con la luce naturale del mediterraneo, un modo per trasportare il viaggiatore nella straordinaria atmosfera del Sud Italia.

mm

Redazione

Made in Pompei è una rivista di promozione territoriale e informazione culturale, turistica, enogastronomica, scientifica ed economica.

Lascia un commento