Pasquale Schettino, il pizzaiolo di Pompei che ha trionfato al Pizza World Cup con la margherita

Il vincitore: «È un traguardo che mi dà parecchia soddisfazione perché non vengo da una tradizione di pizzaioli»

POMPEI. È di Pompei il vincitore del Pizza World Cup 2018 nella categoria “Margherita Doc”. Si chiama Pasquale Schettino e la sua pizza margherita è stata considerata la migliore dalla giuria della competizione. Una soddisfazione non da poco per Schettino, che ha aperto la sua pizzeria a Santa Maria La Carità (Napoli) solo a luglio scorso e già vede fioccare complimenti e prenotazioni. In tanti ora vogliono assaggiare la pizza che gli ha permesso di migliorare il terzo posto dello scorso anno e di salire stavolta sul gradino più alto del podio.

I riscontri positivi ottenuti dai giudici e dai clienti sono oggi motivo di orgoglio e ripagano di tutto il percorso affrontato sino ad ora, oltre che del coraggio di aprire un’attività propria in un momento storico difficile per l’Italia e per il Sud in modo particolare. «Questa vittoria è un traguardo che mi dà parecchia soddisfazione – ha dichiarato Pasquale – soprattutto perché io non vengo da una tradizione di pizzaioli e ho iniziato tardi a fare questo lavoro. Oggi vedo questo premio come il risultato di tutti i sacrifici che ho fatto fino a questo momento».

Per Schettino l’arte della pizza altro non era che una passione covata praticamente da sempre, ma è recente il momento in cui ha deciso che quella passione fosse tanto forte da sentire la necessità di trasformarla in un mestiere. «Ho seguito un po’ di corsi e fatto tanta gavetta. Poi, a luglio, ho aperto il mio locale a Madonna delle Grazie, a Santa Maria La Carità. Prima invece lavoravo a Vico Equense» ha spiegato. A soli tre mesi dall’inaugurazione della sua pizzeria, è già conosciuto in zona. E molto lo deve alla vittoria del Pizza World Cup 2018.

L’evento – organizzato dall’Unione Pizzaiuoli Tradizionali e Ristoratori, di concerto con Pizza Style School e Folliero – si è tenuto a Roma nelle giornate del 10 e dell’11 ottobre 2018 e ha visto la partecipazione di oltre duecento professionisti provenienti da tutto il mondo. Sedici le categorie in cui era possibile partecipare e, non a caso, sulla pizza margherita è stato un partenopeo a distinguersi tra tutti. «Quella categoria – ha spiegato Schettino – è sicuramente la più ambita, almeno per noi napoletani. La competizione consiste nel preparare la propria pizza e poi portarla davanti ai giudici, che ne danno una valutazione basata su cottura e sapore».

E la margherita di Schettino sembra aver convinto su tutti i fronti. Partecipare proprio con quella pizza ha permesso al pizzaiolo originario di Pompei anche di far valere la sua idea di cucina: «Io fondamentalmente sono abbastanza tradizionalista. Sperimento nuovi abbinamenti e nuovi gusti, ma rimanendo sempre in un modo o nell’altro legato alla tradizione». La margherita, quindi, resta la regina delle pizze. E Pasquale Schettino, grazie al trionfo ottenuto a Roma, può ufficialmente considerarsi il suo “re”.

mm

Valentina Comiato

Ha 24 anni, è laureata in lingue ma con un innato amore per la penna. Si divide tra università, associazionismo e scrittura. Crede nelle parole e nella partecipazione attiva. Per "Made in Pompei" scrive di piccole realtà, grandi talenti e bei progetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*