Raccolti dal Leo Club oltre 700 abiti per i poveri

Pompei città generosa: all’appello del Leo Club hanno risposto in tantissimi, molti hanno donato anche vestiti nuovi

POMPEI. È una città generosa Pompei, che al di là delle grandi contraddizioni che la caratterizzano, sembra non voler perdere la voglia di aiutare il prossimo. Lo dimostra l’entusiasmo con cui la comunità ha accolto l’ultimo progetto del Leo Club Pompei, associazione che da ormai 4 anni persegue soprattutto scopi umanitari. Gli 11 soci hanno dedicato l’estate a una raccolta di indumenti da destinare ai più bisognosi.

Alla chiamata alle armi hanno risposto in tantissimi, come racconta il presidente Rino Tortora: «In questo momento ci stiamo dedicando alla distribuzione di indumenti presso la Casa del Pellegrino, resa possibile dall’enorme partecipazione della popolazione. Da luglio a settembre abbiamo ricevuto telefonate da ogni parte di Pompei per aderire alla raccolta e alla fine abbiamo accumulato più di 700 capi di abbigliamento per uomini, donne e bambini».

Inoltre, spiega Tortora, non si tratta solo di vestiti usati. Chi ha preso la causa particolarmente a cuore si è preoccupato di comprare intimo nuovo, soprattutto femminile, per dare un ulteriore aiuto. Terminata la raccolta, si è passati all’erogazione: «L’ottimo risultato ci ha permesso di creare un appuntamento settimanale in collaborazione con l’Ordine di Malta, l’organizzazione che gestisce la Casa del Pellegrino e che si occupa sia della mensa che della distribuzione dei vestiti. Abbiamo iniziato il primo venerdì di settembre e continuiamo tuttora, ogni venerdì mattina».

Grande successo anche tra i meno abbienti, tra i quali la voce si sta via via espandendo. Fino ad ottobre sono stati distribuiti più di 350 capi. Si tratta di vestiti estivi, ma a breve partirà anche la raccolta di abiti invernali e da ottobre inizierà con la distribuzione con le stesse modalità. «Andremo avanti ad oltranza, fino ad esaurimento scorte – ha fatto sapere il presidente  – perché ci rende orgogliosi e fieri vedere la felicità che riusciamo a dare con piccoli gesti quotidiani».

Valentina Comiato

Valentina Comiato

24 anni, laureata in lingue ma con un innato amore per la penna. Per Made in Pompei scrive di piccole realtà, grandi talenti e bei progetti.

Rispondi