Pompei, gli scavi della Regio V raccontati “in diretta” sui social

Pompei antica regala ogni giorno all’umanità reperti meravigliosi di una civiltà che rivive nei commenti della gente.

POMPEI. «Regio V, scavi in corso. Nuovi affreschi e una finestra con grata emergono dai lapilli, dopo duemila anni». È l’ultimo post del direttore generale di Pompei, Massimo Osanna, al ritrovamento di due splendi affreschi (un amorino e dei delfini su sfondo rosso) e di un finestra con grata che emerge dai lapilli. Ormai è consuetudine quotidiana. Osanna giorno dopo giorno fa vivere al popolo dei social l’emozione di partecipare in diretta al ritrovamento di testimonianze antiche e preziose opere d’arte che emergono dai lapilli e dalla sabbia vulcanica.

Regio V, scavi in corso. Nuovi affreschi e una finestra con grata emergono dai lapilli, dopo duemila anni. Foto del Direttore Generale, il professor Massimo Osanna

Pubblicato da Pompeii – Parco Archeologico su sabato 14 aprile 2018

 

La Pompei antica regala ogni giorno all’umanità reperti meravigliosi di una civiltà remota che torna a vivere nei commenti della gente. Le foto pubblicate su Istagram diventano immediatamente “virali” e sono seguite da centinaia di like ed apprezzamenti entusiastici. «Tra due settimane verremo a visitare Pompei. Speriamo davvero di conoscerLa professore. Siamo orgogliosi che ci siano persone come Lei a dar nuova linfa all’Italia. Congratulazioni». Scrive una coppia di coniugi suscitando indiretta la replica emozionata dell’illustre archeologo. Oramai ogni giorno la sorpresa è più grande di quella del giorno prima.

A questo punto è lecito chiedersi cosa emergerà ancora dal cantiere di scavi e messa in sicurezza della Regio V della Pompei antica su un territorio ampio circa 1.000 metri quadrati, nel cosiddetto «cuneo» tra la casa delle Nozze d’Argento e quella di Marco Lucrezio Frontone. Gli operatori sono dotati di tecnologia avanzata ed analizzano i risultati su base multidisciplinare. Vicino alla Casa della Soffitta è sotto studio uno spazio privato (probabilmente un giardino con presenza di anfore di cui si sta analizzando il contenuto). Appare chiaramente un a lato della Casa delle Nozze d’Argento in cui stanno emergendo strutture domestiche, tra le quali una stanza di una domus con pareti affrescate fondo rosso su cui è visibile una coppia di delfini.

 

mm

Mario Cardone

Giornalista, economista ed ex bancario, ha una moglie, una figlia e quattro gatti; ex socialista ex sindacalista Cgil

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*