L’artista Chiara Nastro finalista al prestigioso Premio Ricoh

In gara c’è Futura: un monito sui rischi della spinta sperimentazione scientifica

POMPEI. La giovane artista Chiara Nastro rappresenterà Pompei al Premio Ricoh, il prestigioso concorso d’arte moderna organizzato dall’Accademia di Belle Arti di Brera in collaborazione con ArtRelation di Milo Goj e in programma a Milano per l’inizio della prossima primavera. La selezione ha riguardato artisti under40 di tutta Italia e l’ormai affermata artista pompeiana è rientrata tra i 20 finalisti prescelti per la serata di premiazione che si terrà nel capoluogo lombardo in piazza Duomo, presso la sede di Mondadori Retail.

Quest’anno, infatti, assieme alle tre categorie in cui il Premio si articola tradizionalmente – pittura, arte tecnologica e scultura – ci sarà una nuova sezione “trasversale”, la Pop Art, patrocinata dalla stessa Mondadori. Per tutte e quattro le sezioni, i giovani artisti dovranno interpretare (sia pure con la massima libertà espressiva) i principi fondanti dell’azienda Ricoh, leader mondiale nella fornitura di soluzioni documentali, riassumibili nella formula “l’innovazione ecosostenibile”. Il Ricoh – che nel 2018 celebra la sua ottava edizione – sarà presieduto da Giorgio Grasso, curatore del Padiglione Armenia della 57esima Biennale di Venezia.

Chiara prenderà parte all’iniziativa artistica con Futura (cm. 70×100, tecnica mista, nella foto in alto) e spiega così la sua opera: «La sperimentazione, l’evoluzione, fanno sì che l’uomo sorpassi gli elementi che Dio e la Natura ci hanno donato, portandoli alla distruzione. Da un lato avremo sempre più giovamenti da ricerche di laboratorio, riportando miglioramenti evolutivi alla nostra società, ma dall’altro, inconsciamente, indirizzeremo il nostro futuro, le nuove generazioni, verso un mondo sempre più all’avanguardia, povero di valori interiori verso il prossimo e la Natura stessa».

mm

Marco Pirollo

Giornalista, nel 2010 fonda e tuttora dirige “Made in Pompei”, rivista free-press mensile di promozione territoriale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*