Termina il mandato della Segreteria tecnica, rischio rallentamento per 30 cantieri negli Scavi

Tra i lavori che a rischiano il blocco figurano 10 cantieri del Grande Progetto Pompei, cui si aggiungono 20 interventi ordinari

POMPEI. A partire da oggi potrebbero rallentarsi più o meno 30 iniziative in corso del Grande Progetto Pompei. Si parla di sospendere (o almeno rallentare) l’attività di cantieri, progettazioni, verifiche e collaudi del Grande Progetto Pompei e della programmazione ordinaria delle opere di restauro e messa in sicurezza. Il motivo è collegato al licenziamento per scadenza di contratto di 16 componenti della Segreteria Tecnica. Vale a dire – avvisa la segreteria del sindacato Unsa degli Scavi di Pompei – che da oggi mancherà alla guida dei cantieri la direzione dei tecnici (in tutto 16 tra archeologi, architetti e ingegneri) che fino ad ieri hanno rappresentato il fiore all’occhiello dell’intervento di rilancio del Parco Archeologico di Pompei.

Che cosa pensa relativamente al vuoto di professionalità che si è creato nel Parco il direttore generale Massimo Osanna non è dato saperlo. Si conosce, invece, il commento del segretario Unsa, Antonio Pepe, che con un comunicato ha dato l’allarme alla comunità civile locale e nazionale: «Si tratta di 16 professionisti magnificati dal Ministro come super-esperti in restauro e valorizzazione dei beni culturali per poi essere abbandonati alla loro sorte. I suddetti funzionari saranno costretti ad abbandonare i progetti in corso di esecuzione» informa il sindacato autonomo dei dipendenti del Parco Archeologico vesuviano, il quale fa sapere anche che alla missiva del direttore generale del Parco, spedita alla segreteria del Mibact con la richiesta di prosecuzione delle attività, al fine di non arrecare un danno al Patrimonio Archeologico, non è arrivata alcuna risposta. Il sindacato Unsa ricorda che su 76 interventi finanziati del Grande Progetto Pompei 69 sono stati conclusi. Ai restanti 7, però, vanno aggiunti i cantieri aperti per la programmazione ordinaria e straordinaria di manutenzione e restauro.

Tra i lavori che a rischiano il blocco figurano quelli di adeguamento, revisione e recinzione perimetrale degli Scavi di Pompei; quello di illuminazione perimetrale del Parco; la messa in sicurezza dei fronti di scavo delle Regiones I-III-IV-V-IX; quelli di adeguamento delle case demaniali a servizio dell’area archeologica (edificio di Porta Stabia e sistemazione aree esterne San Paolino, Casa Tramontano, Casina Pacifico e servizi annessi); i lavori di messa in sicurezza delle Regiones I, II e III; il progetto di restauro e valorizzazione del settore settentrionale di Torre di Mercurio; i lavori di restauro della Casa Rosellino; il progetto di restauro dell’area delle Necropoli di Porta Ercolano (Villa di Diomede); ad essi si aggiungono 20 interventi programmati dal Parco Archeologico di Pompei.

mm

Mario Cardone

Giornalista, economista ed ex bancario, ha una moglie, una figlia e quattro gatti; ex socialista ex sindacalista Cgil

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*