Apre Bracery: la nuova steakhouse nel centro di Pompei

Ogni settimana un evento dedicato ad un tipo di carne, si inizia dal Brisket days

POMPEI. Oltre 500 persone si sono presentate il 18 gennaio scorso, all’apertura di Bracery, il nuovo locale in via Mazzini per assaggiare (e mangiare a scrocco) le specialità proposte. La stessa sera il locale ha già avuto un immenso numero di prenotazioni per tutto il weekend: ciò dimostra il grande apprezzamento del pubblico accorso all’evento. Ma cos’è Bracery? La prima steak-house al mond della nostra zona, il che ne fa una tappa immancabile per gli amanti della carne alla brace.

Lo stile unico del locale rende ancora meglio l’idea che qui si fanno le cose in grande, per non parlare dell’enorme frigo in bella vista dal quale puoi sceglierti la bistecca che ti ha fatto l’occhiolino. Ottima birra alla spina ed una fornitissima cantina di vini, al centro del locale, dalla quale si possono scegliere e gustare i migliori vini. Per venire incontro a tutti c’è anche la cucina per celiaci, con tanto di autorizzazione della Aic, Associazione Italiana Celiachia.

Non può mancare nel locale la possibilità di vedere le partite, a meno che non ci sia la diretta in contemporanea di “Amici di Maria de Filippi”, ovviamente. Specialità della casa è il “T-bone” da provare a tutti i costi! Inoltre da Bracery si troverà ogni fine settimana un evento dedicato ad un tipo di carne, iniziando dal Brisket days, tipica del Texas. Naturalmente la carne è il piatto forte ma, come detto, la scelta è molto ampia. Ciò permetterà di tornare a mangiare da Bracery ancora, e ancora, e ancora… buon appetito!

mm

Davide Rasputin

Davide Rasputin è il nome d'arte di Vercingetorige Scognamiglio Odoacre il feroce Annamaria Gertrude Donnarumma, alcuni lo chiamano solo: "Aò". Laureatosi a 12 anni alla "Gargiulo University di Cambirdge di sotto" (Massachussets, vicino Scafati), in Onomatopeutica delle marmitte e del fritto misto con 110 e "lote". Ha una cattedra a Hoxford, di sua proprietà, e la subaffitta ai veri docenti per tenere le lezioni. Organizza seminari sui semi e sui semifreddi. È considerato il miglior esperto in circolazione su sé stesso. I suoi biografi dicono che scriva per Maccio Capatonda e lo Zoo di 105, ed è sceneggiatore. Nel tempo libero lavora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*