Il “modello Pompei” a Parigi: le sinergie tra Regione Campania e Mibact

Il “Grande Progetto” come modello di azione sul recupero, restauro e ottimizzazione della fruizione del bene culturale, con azioni di valorizzazione e iniziative integrate

POMPEI. Le opere di restauro del Grande Progetto Pompei e le iniziative congiunte tra Ministero dei Beni Culturali e Regione Campania, culminate in una mostra al Museo Madre che abbina l’arte moderna e contemporanea all’archeologia vesuviana messa in campo nel Parco Archeologico di Pompei, vengono presentate come iniziative virtuose, vale a dire modelli da imitare nel contesto delle iniziative culturali.

Pompei e la Campania sono al centro di un processo di rilancio del turismo culturale che, grazie al lavoro della direzione del Parco Archeologico, di tutto lo staff del Grande Progetto e delle azioni di valorizzazione messe in atto dalla Regione, oggi ha totalmente ribaltato l’idea negativa che si aveva del territorio campano. Domani, 14 novembre, doppio appuntamento della Regione Campania, alla sede dell’Unesco e presso l’Istituto Italiano di Cultura, con l’ambasciatore Francesco Caruso, consigliere del Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, sui temi del patrimonio Unesco – di cui Pompei fa parte – e responsabile del progetto di messa a sistema degli 8 beni Unesco della Campania.

Il doppio evento mette in evidenza la politica di collaborazione e le sinergie tra Regione e Governo sui beni culturali, con particolare riferimento alle azioni di valorizzazione e di promozione dei grandi attrattori culturali (come quello archeologico di Pompei). Dalle 13,30 alle 15,00 presso la sede Unesco di Place Fontenoy ci sarà la tavola rotonda “The Great Pompei’sProjet” con la partecipazione dell’Ambasciatore di rappresentanza Permanente Unesco Vincenza Lomonaco, e con il direttore generale del Grande Progetto Pompei, Luigi Curatoli e il direttore generale del Parco Archeologico di Pompei, Massimo Osanna. Presente anche Francesco Bandarin direttore generale cultura Unesco, Mounir Bouchenaki, Consigliere speciale della direzione generale Unesco e Pierpaolo Forte, presidente della Fondazione Donnaregina – Museo Madre di Napoli.

Alle 18,30 Pompei@Campania, secondo appuntamento presso l’Istituto Italiano di Cultura con la presentazione del progetto della Regione Campania “Sistema di Valorizzazione Siti Unesco” finanziato con fondi Poc e presentazione della grande mostra internazionale “Pompei@Madre. Materia Archeologica” che si inaugura il prossimo 18 novembre al Museo Madre con la presenza del ministro Dario Franceschini e del Presidente della Regione Vincenzo De Luca. All’iniziativa partecipa anche la direzione generale Agricoltura con una presentazione di prodotti della Dieta Mediterranea, valore universale immateriale, riconosciuto dall’Unesco, con la collaborazione della Fondazione Its Bact.

mm

Mario Cardone

Giornalista, economista ed ex bancario, ha una moglie, una figlia e quattro gatti; ex socialista ex sindacalista Cgil

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*