Da Pompei la preghiera per le vittime di usura e azzardo

Il 21 settembre oltre 200 volontari della Consulta nazionale fondazioni antiusura “Giovanni Paolo II” parteciperanno alla recita del Santo Rosario nel Santuario mariano
Mons. Alberto D’Urso

POMPEI. Il Santuario di Pompei dedica al sociale le sue iniziative del mese di settembre. Dopo un’intera giornata dedicata, domenica scorsa, all’unità della famiglia, è indetta una recita comunitaria del Santo Rosario il giorno 21 settembre (giorno della Festa di San Matteo Apostolo ed evangelista) per la conversione degli usurai e di quanti in Italia sono responsabili della diffusione dell’azzardo che rende povera e disperata tanta gente. Oltre 200 operatori volontari della Consulta nazionale fondazioni antiusura “Giovanni Paolo II” parteciperanno, il 21 settembre alle ore 18.00, nel Santuario mariano, alla recita del Santo Rosario celebrata dal presidente della Consulta, Monsignor Alberto D’Urso. Una bella iniziativa che nobilita la missione civile del Santuario della Vergine del Rosario nel famoso centro turistico vesuviano.

«Pregheremo la Madonna assieme ai volontari della Consulta e delle fondazioni antiusura, affinché assista questi operatori nel loro lavoro e promuova la conversione». Questa l’intenzione di preghiera dichiarata da Monsignor D’Urso e da quanti, saranno riuniti nella preghiera in Basilica nel giorno della festa di San Matteo apostolo ed evangelista, patrono delle fondazioni antiusura. L’intenzione dichiarata è di porre un argine ai crimini di azzardo, estorsione ed usura, strettamente connessi tra loro, che sono alla base della rovina di un numero sempre più crescente di famiglie. Per arginare questo  fenomeno, 22 anni fa fu costituita la Consulta Nazionale Antiusura, guidata oggi da Monsignor D’Urso, che ha sempre sostenuto chi è rimasto vittima di questa rete. «Oggi – ha dichiarato il presidente – c’è un vistoso incremento di vittime dell’usura e dell’azzardo. Le famiglie in condizioni di povertà assoluta in Italia sono circa 2 milioni e quelle in povertà relativa circa 3 milioni. A questi vanno aggiunti i “malati” del gioco d’azzardo, i giocatori patologici, che ammontano a 900mila, e i 2 milioni di giocatori a rischio».

Il fenomeno è allarmante e dilaga anche a causa della crisi economica. Il sostegno economico alle vittime della finanza criminale é garantito dal “Prestito della Speranza” istituito dalla Conferenza Episcopale Italiana con prestiti bancari alle famiglie in difficoltà economica. Ma per la Chiesa di Pompei è importante sostenere le famiglie anche con la preghiera.

mm

Mario Cardone

Giornalista, economista ed ex bancario, ha una moglie, una figlia e quattro gatti; ex socialista ex sindacalista Cgil

Lascia un commento