Turismo archeologico, in crescita le visite a Ercolano

Da venerdì 18 agosto, in occasione delle visite serali agli Scavi, partono le ricostruzioni multimediali dei graffiti anche nel Sacello degli Augustali
Il Cardo V di Ercolano

ERCOLANO. In crescita costante il trend dei visitatori al Parco Archeologico di Ercolano, dove nel mese di luglio si è registrato un +16,70% nel totale dei visitatori rispetto al luglio del 2016, ed il dato dei biglietti paganti è ancora più incoraggiante con un +28%, sempre a confronto con lo stesso mese dell’anno scorso. Nel weekend di Ferragosto alla media delle 1.400 visite per giorno il 14, il 15 e il 16 agosto con il totale di 4.228 unità dell’anno scorso, nel 2017 si sono raggiunti e superati i 2.000 visitatori in una sola giornata con un totale nei tre giorni di 5.700 visitatori. Lo stesso si registra per le visite serali, partite nel primo venerdì di apertura, il 7 luglio con 173 visitatori, giunti a 1.003 lo scorso venerdì 11 agosto, con un totale di 3.425 visitatori accolti durante le visite serali.

Grande la soddisfazione del direttore Francesco Sirano in forza al Parco dal mese di maggio che dichiara: «È un lavoro quotidiano quello che mi impegna, che porto avanti come una missione, perché ci sia finalmente quel cambio di tendenza che il Parco Archeologico di Ercolano merita. È un luogo di un tale valore storico che necessitava di un’attenzione dedicata per la valorizzazione del Parco e di tutto il territorio circostante che ho trovato molto disposto alla collaborazione e aperto alle sinergie, l’unica via che ritengo possibile per raggiungere la rinascita di questi luoghi. Sono orgoglioso e soddisfatto per questi primi passi in avanti raggiunti».

Graffiti al Sacello degli Augustali

E l’offerta dei Venerdì sera al Parco Archeologico di Ercolano si amplia ulteriormente, nel prossimo venerdì 18 agosto, infatti, ai graffiti ricostruiti con le tecnologie multimediali della Terrazza di Marco Nonio Balbo si aggiungono i graffiti del Sacello degli Augustali. Qui i graffiti, “tweet dal passato” – come ha voluto definirli il direttore del Parco, Francesco Sirano – «non servivano solo per comunicare messaggi di amore, amicizia o odio, come mostriamo sulla terrazza di Marco Nonio Balbo, ma grazie al valore quasi magico e sacrale della parola scritta, un graffito poteva essere usato per lasciare un documento della presenza propria o di altri convocati in un luogo pubblico in occasioni importanti, per esempio per suggellare un patto o fare da testimone. Questo è il caso dei graffiti che mettiamo in evidenza nel Sacello degli Augustali dove viene più volte citata la curia (luogo di riunione) degli Augustali».

Con un biglietto al solo costo di 2 € dalle 20,00 alle 23,00 –  con ultimo ingresso alle 22,00 – i visitatori, in gruppi di 30 persone, vengono accompagnati negli Scavi in un percorso della durata di circa un’ora accedendo dall’ingresso di Corso Resina. I percorsi si terranno tutti i venerdì fino al 6 ottobre 2017.

mm

Marco Pirollo

Giornalista, nel 2010 fonda e tuttora dirige “Made in Pompei”, rivista free-press mensile di promozione territoriale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*