Pane e garum ambasciatori di Pompei all’Expo 2015 di Milano

POMPEI. Il garum e il pane, alimenti-simbolo della città antica, saranno gli ambasciatori di Pompei all’Expo 2015 di Milano. Per la prima volta dopo 2000 anni, infatti, la mitica salsa sarà messa in bottiglia e portata in tavola nelle sue tre versioni più diffuse all’epoca: enogarum, oxygarum e, quella che tutti conosciamo, il garum.

Il tutto sarà accompagnato dai tipi di pane più comuni che si producevano nei tanti forni della Pompei antica. L’iniziativa è stata presentata a febbraio, nel ristorante “Il Principe” di Pompei, nel corso della cena “Convivium: mens sana in corpore sano.

La cucina degli antichi romani”, un vero e proprio assaggio di archeologia applicata all’enogastronomia, con le ricette antiche realizzate dall’executive chef Gian Marco Carli e i pani riprodotti dal mastro fornaio Carmelo Esposito.

Per quanto riguarda la salsa che ha reso famosa nel mondo la cucina romana, il progetto è portato avanti dal ristorante “Il Principe”, in collaborazione con la “Delfino” di Cetara, azienda specializzata in conserve ittiche.

E così, grazie a questa partnership, sulle nostre tavole tornerà il garum, che è una salsa a base di pesci tipici del Mediterraneo dalla quale, aggiungendo vino o aceto, si ottiene, rispettivamente, l’enogarum o l’oxygarum.

Quanto al pane antico, invece, l’iniziativa è del mastro fornaio Carmelo Esposito, dell’omonima panetteria pompeiana che, con la rielaborazione del “panis Pompeii” e di altre specialità, porterà a Milano un assaggio di quella che era la variegata produzione di pane dei tanti panifici ritrovati nella città antica distrutta dal Vesuvio.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Marco Pirollo

Marco Pirollo

Giornalista, nel 2010 fonda e tuttora dirige Made in Pompei, rivista di promozione territoriale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *