Adrian Maben riporterà i Pink Floyd a Pompei? Il regista lavora ad un nuovo progetto

POMPEI. È il regista del film-documentario, ormai entrato nella storia della musica internazionale e non solo, dal titolo “Pink Floyd: Live @ Pompeii”: Adrian Maben, 72 anni, da un po’ di tempo è tornato a Pompei, dove sta lavorando alla realizzazione della copia restaurata del film-concerto-documentario che girò dal 4 al 7 ottobre del 1971 con la leggendaria band britannica nell’Anfiteatro antico di Pompei.

Alla presentazione ufficiale potrebbero assistere gli stessi Pink Floyd: il sogno potrebbe avverarsi tra luglio e ottobre 2015. Al momento si tratta di poco più di una ipotesi, ma il regista di origini scozzesi (ma naturalizzato francese), che sta realizzando anche un documentario sulla Pompei di oggi da donare al Ministero, ha inviato, insieme al ministro Dario Franceschini, l’invito ufficiale all’attuale manager dei Pink Floyd.

Gli introiti di un ipotetico evento con la band inglese sarebbero quindi reimpiegati nel restauro dell’Anfiteatro. Per lavorare a questi progetti, Maben ha rintracciato a Pompei alcuni di quelli che all’epoca erano soltanto dei ragazzini e che ebbero la fortuna di poter assistere alle riprese del concerto dei Pink Floyd.

Quei ragazzini, oggi 60enni, sono diventati i suoi angeli custodi: lo accompagnano ovunque, soprattutto durante i sopralluoghi nei posti che Maben sta visionando per la realizzazione del suo nuovo progetto a Pompei. Maben concepì l’idea di base per il film nel 1971: già all’inizio dell’anno aveva contattato l’allora manager dei Pink Floyd.

L’estate seguente, il regista si recò in vacanza in Italia con la fidanzata e, nel tentativo di recuperare il suo passaporto che credeva aver smarrito durante la visita alle rovine di Pompei, tornò al crepuscolo nell’Anfiteatro.

L’atmosfera surreale del luogo lo ispirò al punto da farglielo immaginare come una location perfetta per filmare la band in azione nell’anfiteatro vuoto, senza pubblico. Quell’opera è rimasta una pietra miliare nella storia della musica.

Marco Pirollo

Marco Pirollo

Giornalista, nel 2010 fonda e tuttora dirige Made in Pompei, rivista di promozione territoriale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *